Le eroine con l'elmo di Camilla d'Errico

27 maggio 2010 

Le HelmetGirls di Camilla d'Errico, in mostra alla galleria Mondo Bizzarro di Roma fino al 30 giugno con Il Codice d'Errico, sono figure leggiadre e fantastiche, i loro profili sembrano disegnati su quelle che invece sono 12 tele dipinte a olio e acrilico con pennelli finissimi.

Sensuali e delicate, le creature dell'esponente italo-canadese della corrente pop surrealista rappresentano l'emblema onirico del mondo manga giapponese che da sempre ha affascinato l'artista.

Si viaggia in un mondo fatato in questa serie dalle opere esclusivamente in bianco e nero popolate dalla natura più varia rappresentata nei minimi dettagli dove queste ragazze si muovono come farfalle (grazie all'attento studio matematico e grafico dei contorni messo in atto dalla pittrice) nonostante indossino copricapi giganti in stile steampunk-biomeccanico. È proprio da qui che si è preso spunto per il titolo della mostra: il codice d'Errico è un rimando ai progetti meccanici di Leonardo da Vinci che sono stati d'ispirazione per la creazione degli stravaganti cappelli.

Tra gioco e tecnica artistica, tra fanciulle romantiche e fantascienza, grazie Camilla: per scatenare la fantasia, almeno stavolta, basta tenere gli occhi (bene) aperti.

Info in pillole
Cosa: Il codice d'Errico, mostra pop surrealista di Camilla D'Errico
Dove: Roma, Mondo Bizzarro gallery, via Reggio Emilia 32 c/d
Quando: dal 5 al 30 giugno, dal martedì alla domenica dalle 11.30 alle 19.30

(The Heart di Camilla d'Errico)

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Luisa 79 mesi fa

Sono la rappresentazione dei pensieri...impegni,forza mentale della donna d'oggi,con occhi sbarrati e pieni di speranza x il futuro. Consapevoli che il futuro dipende tutto da noi donne,x figli,lavoro e crescita intellettuale e indipendenza....

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).