L'arte islamica a Milano

26 ottobre 2010 
<p>L'arte islamica a Milano</p>

(in foto, Miniatura dipinta in policromia su seta con la rappresentazione di una coppia principesca con attendenti (particolare) - Asia Centrale, inizi del XV secolo d.C.)

al-Fann. Arte della Civiltà Islamica a Palazzo Reale (Piazza Duomo 12, fino al 30 gennaio 2011) è un percorso fitto di tesori che raccontano la storia dell'arte islamica.

Con un intervallo cronologico dal VII al XVII secolo e una copertura geografica che va dalla Spagna al Medio Oriente, l'esposizione comprende 350 oggetti provenienti dalla collezione dei coniugi al-Sabah, che ad oggi conta 26.000 opere.

Varcata l'entrata della mostra itinerante che toccherà tra gli altri Paesi anche Canada e Corea, pare di entrare in una gigantesca Wunderkammer, gli occhi pieni di cose belle e mai viste (un terzo degli oggetti esposti sono inediti).

In mostra, servizi di piatti e bicchieri, scatole in avorio decorate, lastre tombali con iscrizioni, pedine del gioco degli scacchi in cristallo, ma anche tappeti prestigiosi e tessuti coloratissimi, pagine di Corano, capitelli di marmo, manoscritti miniati.

Dalla sezione divisa cronologicamente a quella tematica che tocca trasversalmente i diversi aspetti della produzione islamica fino alla chiusura con magnifici gioielli (bracciali d'oro, collane e pugnali incastonati con rubini e smeraldi) e monete, la mostra vuole raccontare al visitatore la storia dell'arte islamica attraverso un viaggio emozionante negli oggetti che la rappresentano.

Info in pillole

Cosa: al-Fann. Arte della Civiltà Islamica
Dove: Milano, Palazzo Reale, Piazza Duomo 12
Quando: fino al 30 gennaio 2011, lunedì dalle 14.30 alle 19.30, martedì, mercoledì, venerdì, domenica dalle 9.30 alle 19.30, giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30

Info: www.arteislamica.it

Catalogo Skira

Ingresso: intero € 9, ridotto € 7,50

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).