Brividi per trenta giorni

27 ottobre 2010 
<p>Brividi per trenta giorni</p>

Un tuffo nel brivido: ecco cosa si potrà fare andando in Veneto nel mese di novembre. Sì, perché con la notte d'Ognissanti tornerà il Festival del mistero. Un'occasione per metter piede in luoghi leggendari e avvicinarsi a storie di streghe, demoni e folletti, o a personaggi dalle storie sanguinarie e avvincenti.

L'iniziativa - organizzata dalle Pro Loco aderenti all'Unpli e promossa dalla Regione Veneto - si svolgerà in oltre cento località del Veneto e il programma sarà un mix di eventi, spettacoli teatrali, visite guidate, letture, film e rievocazioni in costume.

Ed ecco alcuni tra gli appuntamenti previsti: a Borso del Grappa (Vicenza), per tre giorni, fantasmi e spiriti faranno apparizioni improvvise nei giardini del paese; a Padova si potranno provare passeggiate esoteriche; a Chioggia (VE) si svolgerà la "caccia delle streghe", comprensiva di gita in barca lungo la Valle dei Sette Morti. E ancora: a Verona sarà possibile ripercorrere il mistero della vita e delle opere del grande Emilio Salgari; a Limana di Belluno, invece, si potrà esplorare il tunnel misterioso tra Villa de Castello e Villa Sacello, alla scoperta dell'origine dei Cavalieri di Malta.

Questo il  commento di Giovanni Follador, Presidente dell'Unpli Veneto:  «Grazie alla Regione Veneto che, forte del successo dello scorso anno, ha rinnovato il suo contributo, siamo nelle condizioni di poter presentare un programma adatto a tutte le esigenze e a tutte le età. Uno sforzo, quello delle Pro Loco, ripagato dalla soddisfazione di fare qualcosa di nuovo e diverso per il territorio, valorizzandone le specificità più antiche e affascinanti».

Cosa: "Spettacoli di mistero", Festival dedicato ai luoghi leggendari e misteriosi del Veneto
Quando: per tutto il mese di novembre
Dove: in oltre cento località del Veneto
Per info: www.spettacolidimistero.it

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).