Al via il festival
dell'errore "intelligente"

02 novembre 2010 
<p>Al via il festival<br />
dell'errore "intelligente"</p>

 

 

Parte il 2 novembre, a Torino, la sesta edizione del festival del sapere condiviso, dedicato, quest'anno, ai fallimenti, alle varianti impreviste, ai progetti non realizzati, agli sbagli, alle imperfezioni, ai lapsus, ai flop e alle scoperte inaspettate che ampliano la mente, affinano le capacità analitiche e ispirano creatività.

L'errore intelligente - Smart Mistake è il titolo della kermesse- racchiude, infatti una potenza creativa unica perché rappresenta sempre l'emergere di un problema: in tutte le sue varianti, indica una questione che chiede attenzione e questa attenzione suscita controversie, le controversie generano soluzioni e innovazione. Ecco perché è interessante in questo periodo di emergenze globali occuparsi degli errori intelligenti ed è quello che vuole fare lo Share Festival.

Sotto i riflettori, ovviamente, la diffusione del digitale (il computer è ormai un oggetto di uso comune, come qualunque elettrodomestico) e la media art, un linguaggio artistico importante che sta guadagnando un pubblico sempre più vasto. Non si tratta di celebrare la tecnologia, ma di investigare la sua influenza sulla cultura e sulle nostre vite.

Come ogni anno il Festival ospiterà la mostra di grandi installazioni artistiche dei sei finalisti dello Share Prize. Il vincitore di Share Prize 2010 sarà nominato sabato 7 novembre durante la cerimonia di premiazione.
Ma la principale novità di quest'anno riguarda il Simposio in cui i guest curator parleranno della portata artistica e culturale dell'errore in tre contesti: errori tecnologici e mediatici (rapporto uomo-macchina, disfunzionalità, errori di trasmissione), errori biologici (mutazioni, biodiversità, arte vivente) e scoperte inaspettate (serendipity, scoperte occasionali, incidenti, varianti impreviste).

In calendario anche numerosi talk tra registi, musicisti, scrittori, scienziati, filosofi, architetti, avvocati, economisti e imprenditori che sono stati chiamati a raccontare storie legate alle loro carriere e alle loro esperienze di "errori intelligenti".

Info: www.toshare.it

Dove dormire: All'Hotel Genio. Camera doppia a partire da 80 euro a notte

Dove mangiare: Al Ristorante La Barrique; getione familiare che unisce classici regionali a proposte più creative. Tra le specialità: petto di piccione rosato al pepe di Sechuan con coscia farcita al fegato grasso su verza in casseruola e salsa al cacao.

>> Guarda anche PRIMI FESTIVAL D'AUTUNNO

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).