L'arte sotto ai piedi

16 novembre 2010 

Invece dei muri, i marciapiedi. O quasi. E così 5 capitali della creatività e gli urban artist che ne sono portavoce sono chiamati a re-interpretare i tombini utilizzati per la rete in fibra ottica Metroweb collocati sui marciapiedi di Via Montenapoleone.

Sopra il Sotto - Tombini Art raccontano la Città Cablata è il progetto artistico con base a Milano che vede coinvolti i grandi attori della street art mondiale.

Alla seconda edizione partecipano il gigante Shepard Fairey (New York) - che ha inventato l'iconografia di Barack Obama prima ancora che diventasse presidente -  e altri grandi urban artist come Flying Fortress (Berlino), Rendo (Milano), The London Police (Londra), SpaceInvader (Parigi): 20 tombini in tutto, 4 ciascuno, per raccontarsi con pezzi unici ed originali.

Un concetto che si inserisce perfettamente nella politica della street-art che vuole un'arte fruibile da tutti, senza biglietto d'entrata, senza libretto d'istruzioni, senza preconcetti. Un po' come il mondo internet. Ecco allora un'iniziativa che sposa i due universi, tecnologia e fantasia, per un viaggio - letteralmente - on the road nella creatività contemporanea.

Una volta conclusa l'esposizione, tra un anno, i tombini perderanno "la scarpetta" proprio come Cenerentola, ma le opere troveranno casa all'interno di una collezione museale milanese ancora non meglio identificata..

Info in pillole

Cosa: Sopra il Sotto, mostra di street art

Dove: Milano, via Montenapoleone

Quando: dal 18 novembre 2010 a dicembre 2011

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).