Casalinghe? No, scrittrici!

26 novembre 2010 
<p>Casalinghe? No, scrittrici!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Di giorno si occupano della casa e della famiglia. La sera, o mentre i bimbi fanno il pisolino, si ritagliano un momento tutto loro, aprono il portatile e pestano sulla tastiera ispirate. Sono le casalinghe di oggi tra le quali si celano molte aspiranti scrittrici, anche solo per diletto. Che aprono cuore e anima davanti a una pagina bianca, dando libero sfogo alla fantasia troppo spesso tenuta in sordina durante le giornate di lavoro domestico.

Le loro migliori composizioni sono state premiate a Roma nell'ambito della VI edizione di "Voci di casa", il premio letterario organizzato dal MO.I.CA, Movimento Italiano Casalinghe.

Due le categorie del concorso: "poesia" e "racconti", entrambe a tema libero. Storie di vita vissuta, racconti teneri e toccanti, reali o metaforici, sul filo dei ricordi o su quello dell'immaginazione, poesie commoventi, versi che fanno riflettere: sono alcuni dei tratti comuni delle opere degli angeli del focolare selezionate dalla giuria per l'ambito riconoscimento.

Tre le vincitrici per ogni sezione, e a tutte le finaliste, l'onore di vedere pubblicato il proprio scritto in un libro distribuito a soci e amici del movimento. Più nel dettaglio, per la sezione "racconti"  sono stati premiati "Parapluie" di Maria Silipigni (I° premio), "Frutta e verdura" di Rosanna Mennella (II° premio) e "Il segreto di Mahla" di Ernestina Lombardo (III° premio). Per la sezione "poesie" hanno vinto invece "Strada in salita" di Rossana Marsullo (I° premio), "Perdono" di Maria Teresa Biasion Martinelli (II° premio) e "Vesti il tuo giorno" di Origa Galli Fignani (III° premio).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).