A Londra la pappa per cani
è servita al ristorante

20 dicembre 2010 
<p>A Londra la pappa per cani<br />
 è servita al ristorante</p>

Non sarà il primo nel suo genere ma è certamente il più simile a quelli "per umani". Lily's Kitchen, il nuovo ristorante per cani appena aperto a Londra in Pimlico Road, nel quartiere di Belgravia (metro Hampstead) somiglia infatti molto più a un locale da gambero rosso che a un posto dove si cucina...da cani.

Il gioco di parole è scontato ma un po' meno lo è l'ottima qualità del menu (tutto a base di prodotti Lily's Kitchen) e i servizi di cui i "clienti" possono usufruire all'interno. Come nei più moderni ristoranti "eat as you can", qui è possibile mangiare quanto si vuole. Solo che il servizio è gratuito.

L'azienda promotrice ha infatti deciso di aprire il locale per farsi pubblicità e lanciare i propri prodotti tra i cani della capitale inglese. Che, a giudicare dall'affluenza registrata nel primo giorno di apertura, hanno apprezzato. Oltre al pasto, i "pets" ricevono coccole, grattatine rilassanti su pancia e schiena e massaggi olistici.

E' addirittura possibile godere della compagnia di un essere umano che si siede con loro sul divano e legge una storia. Cosa chiedere di più dalla vita? Il ristorante ha tre tavoli e il cibo è accompagnato da acqua servita da camerieri in eleganti ciotole di carta. Un'idea forse un po' eccessiva che però ha subito incontrato la simpatia di chi a Londra possiede un cane.

Complice il fatto che, mentre l'amico a quattro zampe mangia e si fa massaggiare la pancia a costo zero, è possibile sbrigare le proprie faccende quotidiane. Il ristorante ha un solo difetto: resterà aperto appena sei settimane. I proprietari, e soprattutto i loro cani, faranno dunque bene ad affrettarsi, per non perdere il piacere di un servizio "da cani" veramente chic.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

picpic 72 mesi fa

che bella idea!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).