Onde elettromagnetiche, che invasione!

27 gennaio 2011 
<p>Onde elettromagnetiche, che invasione!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Siamo circondati dalle onde elettromagnetiche, tra Wi-Fi, cellulari, forni a microonde, radio FM. Alcuni ricercatori francesi hanno testato la potenza delle onde su 400 volontari dotati di strumentazione adatta. Dal loro studio emerge che i più "pericolosi" sono le radio FM seguite dal Wi-Fi e dal forno a microonde. Quindi i cellulari e i telefoni cordless.

Particolare attenzione va fatta per l'uso dei cellulari da parte dei bambini: in 5 anni il loro uso presso i bambini inferiori ai 12 anni è aumentato del 68%. Uno studio inglese chiamato Kidpocket evidenza per esempio l'intensità delle onde sulla zona genitale, chiaramente legata all'abitudine di tenere il cellulare in tasca. Così come si stanno monitorando i possibili danni al cervello dei minori.

Dallo studio emergono alcune linee guida per diminuire l'eventuale nocività delle onde elettromagnetiche:

1) non tenere nello stesso posto tutti gli apparecchi che emettono onde poiché queste seguono una legge fisica: la potenza diminuisce con la distanza: Quindi meglio il Wi-Fi installato sulla parete del soffitto che sulla scrivania.

2) spegnere gli apparecchi quando non vengono usati, soprattutto il cellulare se è tenuto nella tasca dei pantaloni o della giacca.

3) utilizzare appena possibile l'auricolare avendo l'accortezza di appoggiare il telefono sul tavolo o tenuto in mano lontano dalla testa.

4) tenere i bambini lontani dal microonde quando questo è in funzione e se è di vecchia generazione.

5) usare più possibile il telefono fisso e meno il cellulare, soprattutto se UMTS così come preferire la connessione internet con il modem (anche ADSL) piuttosto

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).