Nasce il primo Comune virtuale

31 gennaio 2011 
<p>Nasce il primo Comune virtuale</p>

Uno lavora a Detroit, un altro studia a Torino, l'altro ancora vive a Londra. Ma ogni sera, alle 21,30, si trovano in piazza, per una chiacchierata, magari anche in dialetto. Senza spostarsi da casa: basta accendere il computer e connettersi al sito www.salentide.it.

Sarà realtà, fra qualche giorno: sta nascendo Salentide, il nuovo Comune virtuale che riunirà i salentini che, per lavoro o per studio, vivono lontano dalla loro terra d'origine. Un po' come Atlantide, che ospitava i figli di Atlante.

L'idea è venuta agli studenti della quarta classe dell'Istituto Tecnico Commerciale "Costa" di Lecce, ed è partita a dicembre, con la creazione di un gruppo su Facebook, "Salentini Sparpagghiati" (sparpagliati, sparsi nel mondo), che oggi conta più di 2500 membri.

Oltre alla piazza virtuale, a Salentide funzionerà l'anagrafe, con i dati e i luoghi di origine e di lavoro di tutti i cittadini. Ci sarà anche una descrizione delle attività, commerciali e imprenditoriali, che i salentini stanno svolgendo all'estero o in altre parti d'Italia: sarà una specie di vetrina, e chissà che non serva a far crescere il numero dei potenziali clienti.

Come ogni altro Comune, anche Salentide ha uno stemma: riporta i quattro simboli del territorio adottati da "Repubblica Salentina" (un portale per turisti, prima "creazione" dei ragazzi dell'istituto Costa) e, dal centro, partono otto frecce che vanno in otto direzioni diverse, «Per rappresentare la forza "centrifuga" dell'energia dei salentini - spiegano i promotori del progetto -. Salentide potrebbe diventare il Comune più popoloso del Salento: basti pensare al numero di persone che negli ultimi 60 anni si sono allontanati per lavoro, e a tutti gli studenti che hanno deciso di frequentare l'università altrove».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
davide 72 mesi fa

GENIALE!!!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).