Libera professione: come organizzarsi

08 febbraio 2011 
<p>Libera professione: come organizzarsi</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Nel popolo "rosa" delle partite Iva, quello delle tante donne che in Italia si dedicano alla libera professione, le neomamme hanno un posto importante. Perché se è vero che il tasso di abbandono della vita professionale dopo la nascita del primo figlio è tra i più alti in Europa (27,1%), per molte mamme l'attività indipendente rappresenta l'unica (e spesso obbligata) soluzione per conciliare lavoro e famiglia.

Abbandonato il posto da dipendente, come organizzarsi per gestire il lavoro in proprio, spesso con uno studio in casa? Style.it lo ha chiesto a Paola Cenni, psicologa del lavoro, psicoterapeuta e docente all'Università di Bologna. «Parola d'ordine: disciplina. Evitare le improvvisazioni e non confondere la libertà con l'assenza di regole - spiega -. Fondamentale è stabilire spazi e tempi precisi per il lavoro e per la vita privata: al mattino, vestirsi sempre prima di accendere il computer, spegnere il cellulare privato ed evitare di rispondere a chiamate di amiche nelle ore che si decide di dedicare al lavoro. Evitare distrazioni improduttive, quali sfogliare riviste o navigare on line per puro divertimento e tenersi alla larga dalla tentazione di aprire il frigo a tutte le ore».

Tuttavia, per le mamme convinte che lavorare in casa - complici le infinite distrazioni o gli spazi ristretti - sia scomodo e poco produttivo, c'è sempre il coworking ovvero la possibilità di condividere con altri professionisti e a prezzi ragionevoli degli spazi di lavoro adeguatamente attrezzati. Tra le reti di coworking più diffuse in Italia spicca Cowo, con 51 spazi affiliati in una trentina di città italiane (ecco la mappa: http://coworkingproject.com/network/map/), tra cui Milano (la sede principale è a Lambrate), Bologna, Firenze, Genova, ma anche Modena, Venezia, Udine, Sassari. I vantaggi? Il coworking costa, in media, molto meno dell'affitto di uno studio tradizionale e permette di annullare l'isolamento tipico di chi lavora in proprio, creando sinergie e nuove conoscenze.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Buongiorno di nuovo. Purtroppo non esiste (che io sappia) in Italia un progetto cowo + nido a livello operativo. Sul blog di Cowo ho scritto un post sull'argomento, per rilanciare una iniziativa nata su Facebook a cura di un gruppo bolognese, nella speranza di aiutare a far crescere l'interesse. Qui il post, dove tra l'altro vi sono i link alle esperienza californiane e olandesi http://coworkingproject.com/2011/01/18/allargare-il-cerchio-della-sostenibilita-il-sogno-del-coworking-asilo-nido/ A presto, Massimo Carraro

Francesca 72 mesi fa

Gentile Massimo, la sperimentazione cowo + spazio nido sarebbe una cosa davvero innovativa e, le assicuro, molto ben accolta da tante mamme libere professioniste. Mi domando solo come si potrebbe praticare. Avete qualche idea? Le esperienze olandesi e americane prevedevano la collaborazione con nidi privati e/o tate?

delicaterose 72 mesi fa

sarà di sicuro un bel progetto peccato che nemmeno vedendo il sito se ne riesce ad avere una chiara idea soprattutto dei benefici che reca....se li reca, con una spesa se non ho letto male di 250 euro l' anno, se poi dà lo stesso trait d' union che può dare facebook non credo ne valga davvero la pena, forse converrebbe chiarire un attimino il progetto anzicchè far solo vedere gli associati !

Buongiorno e grazie per aver citato il nostro progetto Cowo. Proprio parlando di mamme professioniste, penso sia utile ricordare un altro vantaggio degli spazi di coworking (non solo del nostro network naturalmente): la flessibilità. Le soluzioni offerte, infatti, proongono in genere anche pacchetti giornalieri, a utilizzo sporadico. Infine, mi piacerebbe rilanciare qui l'idea - già sperimentata in California e ad Amsterdam - di un affiancamento coworking + asilo nido. Penso sarebbe una soluzione quasi ideale per molti genitori. Un cordiale saluto, Massimo Carraro Coworking Project by Cowo

monica 72 mesi fa

Utilissimo. Non conoscevo il coworking, ma mi sembra un'idea ottima. Grazie!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).