Social Media Week:
appuntamento a Roma

07 febbraio 2011 
<p>Social Media Week:<br />
 appuntamento a Roma</p>

E' iniziata a Roma la seconda edizione italiana della "Social media week", una sorta di Festival della Rete che si tiene in contemporanea in nove città del mondo fino all'11 febbraio. Saranno più di 130 gli appuntamenti per lo più gratuiti, organizzati in varie e insolite location della città, che animeranno le giornate degli appassionati di internet.

Una manifestazione a più facce, in cui a convegni e seminari di livello professionale si affiancano momenti all'insegna del divertimento come feste, aperitivi e colazioni social, concerti, un maxi cruciverba collettivo sul mondo dell'online e persino una caccia al tesoro 2.0, ovvero un gioco a squadre rivisitato in chiave tecnologica che prenderà le mosse dalla Stazione Termini (la kermesse, ideata da Marco Montemagno e Marco Antonio Masieri di Augmendy, è realizzata in partnership con Ferrovie dello Stato).

Numerosi i guru del web e gli ospiti prestigiosi della scena internazionale e italiana che riempiono il fitto calendario di eventi, succedendosi in teatri inconsueti come strade, treni, musei e auditorium. Tra questi Peter Sunde Kolmisoppi, co-fondatore di The Pirate Bay e Flattr, Elizabeth Stark, co-fondatrice di Open Video Alliance, e fondatrice di Harvard Free Culture Group, Luca De Biase (responsabile di Nòva 24), Lilli Gruber, Carlos Eduardo Espinal, partner di Seedcamp, Giulio Blasi, CEO della Horizons Unlimited che ha avviato il servizio MediaLibraryOnLine, e tanti altri.

Le città palcoscenico di questa seconda edizione, dopo quella del 2010 che in Italia fu ospitata a Milano, sono, oltre a Roma, Parigi, New York, Londra, Toronto, San Francisco, San Paolo, Istanbul e Hong Kong. Manco a dirlo, la "Social media week" è anche su Facebook (http://www.facebook.com/socialmediaweekrome).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).