Adozione: per i single si apre uno spiraglio

15 febbraio 2011 
<p>Adozione: per i single si apre uno spiraglio</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il Parlamento deve aprire alle adozioni da parte dei single, seppur con le dovute cautele. L'invito arriva dalla Cassazione che, in una sentenza depositata oggi, ha chiesto che si arrivi «a un ampliamento dell'ambito dell'ammissibilità dell'adozione di minore da parte di una singola persona, anche con gli effetti dell'adozione legittimante (consentita finora solo alle coppie unite in matrimonio, ndr)».

Tutto è partito dalla richiesta di una mamma adottiva di Genova di ottenere l'adozione pienamente legittimante di una bimba russa che ha vissuto con lei prima in Russia e poi negli Stati Uniti, dove l'adozione è stata dichiarata efficace dal Tribunale della Columbia. La donna ha ottenuto il riconoscimento dell'adozione, anche se in forma «speciale», ovvero con talune limitazioni come «la necessità del consenso di un tutore legale per determinati atti che riguardano la minore» e con alcuni limiti come «la possibilità di ereditare dai parenti collaterali della mamma».

Il pronunciamento dei giudici della Corte Suprema nei confronti della mamma single si basa sul fatto che «nelle norme della Convenzione di Strasburgo del 1967 sui fanciulli non c'è alcun tipo di preclusione a questa apertura». Ma la sentenza della Cassazione ha ricevuto l'immediata reprimenda della Chiesa che, nella persona del cardinale Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, ha ribadito il diritto di ogni bambino «ad avere un padre e una madre».

Una presa di posizione condivisa anche dall'ANFAA, Associazione nazionale famiglie adottive e affidatarie, come ci conferma la consigliera dell'associazione, Mariagrazia Benassi. «Stiamo aspettando di leggere la sentenza completa, ma per quanto emerso finora non ci sentiamo affatto di condividerla, perché riteniamo che un bimbo abbia il diritto di avere un padre ed una madre. So già le obiezioni che verranno mosse, ma va considerato che i bambini di cui parliamo hanno spesso un pregresso difficile e, quindi, necessitano di entrambe le figure genitoriali. E poi in Italia ci sono tante coppie disponibili all'adozione e come punto di partenza bisogna sempre cercare di dare ai bambini il meglio a disposizione. Comunque, non è vero che i single non possano già adottare: l'ex articolo 44 della 149 del 2001 sancisce, infatti, la possibilità di avere anche per i single un'adozione non legittimante, fatto salvo uno stabile legame affettivo con il minore. Quanto al suggerimento della Cassazione di modificare la norma attuale, la nostra legge è una delle migliori al mondo e non capisco perché bisogna cambiarla».

E tu, cosa ne pensi? Anche i single dovrebbero poter adottare oppure è meglio che siano solo le coppie a farlo?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
illari 69 mesi fa

se si pone il problema di dare dei bambini in adozione ai single penso che ci sia un esubero di bambini disponibili,in questo caso la risposta è scontata.

LUIGI 69 mesi fa

QUESTO COME SI E' VISTO E' UN CASO PARTICOLARE DI ADOZIONE ...IO PENSO CHE L' ADDOZIONE COMPORTI UNA GRANDE RESPONSABILITA' E SOPRATUTTO "SAPERE AMARE" ...........E COME EMERGE DAI VOSTRI COMMENTI CE GENTE CHE CONFONDE L'AMORE CON IL PROPRIO EGOISMO

basta con questo clero che continua a mantenere posizioni medievali .! non basta quanto hanno rovinato nel corso dei secoli ? i tempi cambiano e visto che aumentano i single e i problemi di convivenza di coppia , perche non avere questa stupenda opportunità ? diamo un nuovo impulso a questo cambiamento faccciamoci sentire !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Bianca 70 mesi fa

Sì!

Francesca 70 mesi fa

La Chiesa potrebbe occuparsi di più delle questioni dei dogmi che ha dato Gesù Cristo anzichè di considerazioni personali. E' logico che mamma e papà è meglio, ma se nella nostra società mamma e papà non ci sono più ci sarà un perchè? Allora se la Chiesa vuole la famiglia tradizionale si adoperi fattivamente, concretamente, combatta perchè possano esistere le condizioni per quel tipo di famiglia. Al momento non ci sono posto che i matrimoni sono in crisi, sempre più famiglia sono composte da separati e l'Italia è un paese poco democratico fondato sul precariato e sui singles che hanno pure un diritto a vivere che forse la Chiesa non considera!!!!!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).