Quote rosa: stop in Senato?

18 febbraio 2011 
<p>Quote rosa: stop in Senato?</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

In Senato c'è chi cerca di stoppare il disegno di legge che introdurrebbe le quote di genere - meglio conosciute come "quote rosa" - all'interno dei consigli di amministrazione e dei collegi sindacati di società quotate e municipalizzate (pena lo scioglimento del CdA in caso contrario). Le promotrici che lo scorso dicembre lo avevano portato con successo alla Camera - Alessia Mosca (Pd) e Lella Golfo (Pdl) - lanciano un appello in rete: care donne, se volete una vera opportunità per sedere coi colleghi maschi là dove si fa e si decide, ditelo ora forte e chiaro.

E chiedono di firmare un appello diretto al Presidente del Senato (segreteriagabinettopresidente@senato.it) e a quello della Commissione Finanze Mario Baldassarri (mario.baldassarri@senato.it), perché non cedano alle pressioni di chi - assicurano le onorevoli - sta cercando il modo di vanificare gli sforzi fatti per portare il disegno di legge fin qui.

Insomma, sembra che questo sia il momento di far vedere che una lobby delle donne è possibile, e la meritocrazia una realtà. Non a caso Lella Golfo, che è anche presidente della Fondazione Bellisario, ha lanciato anche il progetto Mille curricula eccellenti per creare, con l'aiuto di due società di head hunting Beyond International e Heidrick&Struggles un database di donne pronte a raccogliere la sfida.

E pare proprio che già quasi in mille abbiano risposto, come a dire che - se quel 30% di poltrone in rosa che ci allineerebbe alle democrazie europee che hanno già adottato questa norma, come la Norvegia, da noi per ora restano vuote - non è certo per mancanza di candidate.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).