Gengis Khan, che ambientalista!

22 febbraio 2011 
<p>Gengis Khan, che ambientalista!</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Curiosa ricerca pubblicata su Live science. Gengis Khan, il più grande conquistatore di tutti i tempi, pare avesse (a sua insaputa) l'animo verde. La maestosa invasione mongola, che riuscì a creare a cavallo tra il 13° e il 14° secolo il più grande impero di tutti i tempi, ha infatti avuto inaspettati effetti positivi sull'ambiente assorbendo dall'atmosfera oltre 700 milioni di tonnellate di CO2. Lo hanno scoperto i ricercatori del Carnegie Institution's Department of Global Ecology.

Il condottiero mongolo e la sua formidabile organizzazione militare portarono all'invasione della maggior parte dell'Asia centrale, Cina, Russia, Persia, Medio Oriente e parte dell'Europa orientale. Dall'inizio del 1200 fu conquistato il 22% della superficie totale del mondo e furono massacrate circa 40 milioni di persone.

Lo spopolamento di aree cosi' vaste sembra abbia infatti fatto sì che un numero incalcolabile di campi coltivati venissero abbandonati a loro stessi, lasciando via libera alla ricrescita delle foreste ed al loro successivo "lavoro" di assorbimento dell'anidride carbonica, pari a più di 700 milioni di tonnellate.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).