Imprenditrice in maternità?
Arriva la co-manager

22 febbraio 2011 
<p>Imprenditrice in maternità?<br />
Arriva la co-manager</p>

Difficile per un'imprenditrice affrontare gravidanza e poi maternità senza pensare alle conseguenze sulla propria attività: se sola, spesso si trova senza alternative alla sospensione o addirittura alla chiusura dell'azienda. Ma in Trentino adesso c'è una novità che fa ben sperare, e che potrebbe fungere da apripista: da poco tempo è nato il Registro delle co-manager, un vero e proprio albo le cui iscritte sono potenziali sostitute temporanee per l'azienda della neomamma. E le richieste stanno già fioccando.

L'elenco è gestito dalle associazioni di categoria a garanzia della capacità e dell'affidabilità delle professioniste che si candidano. Secondo il progetto, voluto e siglato dalla Provincia autonoma di Trento, dall'assessorato alla Solidarietà internazionale, dall'associazione Artigiani e piccole imprese e dalla Confesercenti del Trentino, per le co-manager è previsto un percorso formativo ad hoc. E questo non potrà che far dormire notti più tranquille alle titolari nel frattempo alle prese col pargolo, perché così saranno rassicurate dalla adeguata preparazione della loro sostituta e, in attesa di tornare al "timone", potranno con tutta serenità dedicarsi al proprio nuovo ruolo di madre.

L'idea ricalca un po' il servizio di sostituzione Alterego lanciato qualche anno fa da Cescot Emilia-Romagna, il centro di formazione e sviluppo di Confesercenti, che aveva pensato alle imprenditrici che per ragioni familiari si trovassero ad assentarsi dalla propria azienda, perché in questo modo potevano delegare temporaneamente la gestione degli affari a una sostituta qualificata e competente.
Anche il progetto trentino si appella all'esperienza comprovata della sostituta: in caso contrario, chi lascerebbe a cuor leggero la propria attività nelle mani di una sconosciuta?

Cosa ne pensi? Lasceresti la tua attività nelle mani di una "co-manager" o faresti di tutto per rientrare appena possibile dopo il parto?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Tonia 70 mesi fa

Se potete, godetevi almeno il primo anno di vita dei vostri figli. Io mi pento di non averlo fatto, il lavoro sì, ma quei momenti magici non tornano più!

Morgauzy 70 mesi fa

Anche io, anche se ho sentito di mamme che portavano a pochi giorni di vita il pupo in negozio (trattavasi di centro estetico, probabilmente avevano stanze tranquille). Non è detto che quei pupi sono venuti su peggio di altri, anche se la sola idea mi fa impressione.

life 70 mesi fa

lascerei senz'altro. il primo anno di un figlio non torna più!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).