Gli animali tra mito, simbolo e realtà

25 febbraio 2011 
<p>Gli animali tra mito, simbolo e realtà</p>

Sta per aprire i battenti a Caraglio (Cuneo) "BESTIE. Animali reali e fantastici nell'arte europea dal Medioevo al primo Novecento", una sorprendente mostra in cui dietro alle rappresentazioni fantastiche degli animali si celano proiezione di miti, chimere, sogni, paure, speranze e illusioni. Una carrellata dentro un mondo immaginario popolato da esseri nati dalla mente e talvolta dagli incubi dell'uomo. Cuore dell'esposizione, ospitata al Filatoio dal 26 febbraio al 5 giugno e promossa dall'Associazione Culturale Marcovaldo, una serie di dipinti, sculture e ceramiche - raccolte tra collezioni private e musei - di artisti che dal Medioevo a oggi si sono confrontati con le "bestie".

Diversi i temi su cui si snoda la rassegna, secondo il progetto dei suoi curatori Alberto Cottino e Andreina d'Agliano. Si parte dagli animali sacri della tradizione cristiana: da quelli legati alla Madonna, all'iconografia dei Santi (fra questi il leone, l'aquila e il toro per gli evangelisti Marco, Giovanni e Matteo; il leone per San Girolamo; il cervo per Sant'Eustachio o il lupo e gli uccelli per San Francesco d'Assisi), alla raffigurazione dello Spirito Santo sotto forma di colomba.

Si continua con una sezione dedicata alle bestie demoniache e corrotte, tra cui gli insetti, che nelle nature morte fiamminghe simboleggiano la corruzione, ma anche le scimmie, emblema dell'umanità senza la ragione, ma anche del demonio, e infine il serpente, simbolo di Satana e del Male.

Non manca una panoramica sulla mitologia greca e romana, con il cigno, il toro e l'aquila associati a Giove, il pavone e gli armenti a Giunone, il passero e la colomba a Venere, il leone a Sansone ed Ercole. Non poteva mancare una sezione dedicata agli animali leggendari: i mostri. Draghi, chimere, centauri, arpie, fenici, grifoni, leviatani, sirene, tritoni, unicorni abbondano nella scultura medievale ma anche nella pittura barocca, e non di rado si pongono come vere e proprie allegorie.


Info:

Il Filatoio, a Caraglio (Cuneo) Via Giacomo Matteotti 40
Dal 26 febbraio al 5 giugno 2011

Orari:
giovedì - sabato: 14.30 - 19.00
domenica: 10.00 - 19.00

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).