Persepolis: in mostra i disegni originari

28 febbraio 2011 
<p>Persepolis: in mostra i disegni originari</p>

La storia di "Persepolis", ovvero l'autobiografia dell'autrice iraniana Marjane Satrapi - dapprima racchiusa in un graphic novel del 2000 e poi diventata nota soprattutto grazie al film d'animazione del 2007, diretto dalla stessa Satrapi e da Vincent Parronaud - torna in Italia con la mostra "Il velo di Maya o dell'ironia dell'Iran". Un'antologia di tavole tratte dall'originario romanzo a fumetti e in esposizione fino al 27 marzo a Terni (Palazzo di Primavera).

Ripercorrere la storia di Persepolis/Satrapi significa vedere (con gli occhi di chi la conosce per esperienza diretta e riesce a raccontarla alternando lucidità, poesia, coraggio e voglia di libertà) la condizione delle donne iraniane. Difficile, ma non per questo in grado di compromettere la loro forza, dignità e integrità interiore.

Accanto alle illustrazioni della Satrapi, anche i disegni che alcuni studenti del Liceo Artistico Orneore Metelli (Terni) hanno realizzato sull'onda delle suggestioni tratte dalle immagini dell'autrice iraniana.

Integrano la mostra anche alcune iniziative collaterali. Intanto, due proiezioni: quella del lungometraggio "Persepolis" (dal primo marzo, dal martedì alla domenica, al Caos - Centro Arti Opificio Siri, via Campofregoso, 98) e quella (a Palazzo Primavera) di un documentario realizzato dai gestori del gruppo inguine.net e ispirato proprio al lavoro della Satrapi.

Merita infine di essere segnato in agenda il convegno L'altra metà delle nuvole. Il fumetto italiano al femminile (Auditorium, Palazzo Primavera, 12 marzo, ore 17:30).

Cosa:  "Il velo di Maya o dell'ironia dell'Iran"
Dove: Palazzo di Primavera, Via Giordano Bruno 3, Terni
Quando: 26 febbraio - 27 marzo

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).