Vuoi risparmiare?
Non buttare i coupon!

04 marzo 2011 
<p>Vuoi risparmiare?<br />
 Non buttare i coupon!</p>

Li spediscono per posta, li danno alla cassa del supermercato, ma si trovano anche su internet e si possono ritagliare dalle confezioni. Eppure quante volte i buoni sconto che vi hanno consegnato per risparmiare qualche euro sono finiti nella spazzatura? Se li avete gettati, avete perso un'occasione d'oro per risparmiare e, per paradosso, fare soldi.

Kathy Spencer, casalinga del Massachusetts e mamma di quattro figli, ne è l'esempio vivente.  Ha iniziato molto presto: fin da quando era una bambina, è sempre stata molto attenta a cogliere le possibilità di risparmio e a mettere da parte i coupon. E, una volta diventata madre di famiglia, ha iniziato a impegnarsi seriamente per perfezionare le sue abilità. Come se fosse un lavoro.

O meglio: oltre a riuscire a fare ormai la spesa quasi gratis, Kathy Spencer ha creato una vera e propria comunità di fedelissimi, che vogliono imparare da lei l'arte dell'"extreme couponing". I suoi segreti sono svelati  nel suo sito, "How to shop for free", ma anche nel suo omonimo manuale della risparmiatrice perfetta, in vendita su Amazon, pensate un po', con uno sconto del 43 per cento (a poco più di 6 dollari), e in cui svela come è possibile sfamare la famiglia con 4 dollari alla settimana (e, recentemente, come guadagnare soldi combinando la tessera fedeltà del supermercato con i coupon di una marca di carta igienica). Di lei ha iniziato a parlare prima la stampa americana, poi quella di tutto il mondo. E adesso anche i suoi "seguaci" iniziano a organizzarsi, e confrontano le loro tecniche in una serie di video illustrativi. Provare per credere.

 

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
roberta 69 mesi fa

ne parlavo proprio oggi con un'amica!!!!

mimì 69 mesi fa

sììììììììììììììììììììììììì!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).