Babysitter? Basta un clic!

08 marzo 2011 
<p>Babysitter? Basta un clic!</p>

Se siete mamme a corto di tempo, se vi serve una babysitter all'ultimo minuto o qualcuno che vi possa fare la spesa, andate su Facebook. Da meno di un mese è attiva una nuova applicazione che fa al caso vostro. Si chiama JobSlot, ed è stata ideata da Davide Andreoni, Sabrina Serino e Letizia Giottoli. «Ci siamo chiesti come far incontrare chi ha del tempo libero, ad esempio studenti, casalinghe e pensionati desiderosi di valorizzare le proprie giornate mettendo a frutto una passione o un talento, e chi vuole liberare il proprio tempo, ad esempio le mamme lavoratrici sempre indaffarate tra mille cose, trovando una persona che svolga un servizio in un luogo e in un tempo stabilito», spiega Davide Andreoni a Style.it.

La start-up, finanziata in parte con i soldi della Regione Lombardia in parte grazie a sponsor privati, ha superato in quindici giorni il migliaio di utenti. Il funzionamento è semplice: usando il proprio account su Facebook si può creare un "job", offrendo la propria disponibilità ad un servizio (ad esempio babysitting serale) in un momento e luogo preciso oppure si può riempire uno "slot" rispondendo a un annuncio già in bacheca attraverso la funzione di ricerca.

Di persona e privatamente, ci si accorda poi sulla tariffa. «I vantaggi rispetto alle normali inserzioni sono due: gli annunci sono selezionati e suddivisi in categorie, inoltre per ogni servizio sono forniti i potenziali candidati con le credenziali e i giudizi di chi ha già usufruito del loro operato. Facebook permette di visualizzare i servizi utilizzati dai propri amici, offrendo così una garanzia in più sulla qualità dell'offerta», conclude Andreoni.

Le mamme sembrano averne intuito la potenzialità: tra le richieste più diffuse nei primi giorni di attivazione del servizio, spicca infatti il babysitting a ore.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).