Monster High: le polemiche

10 marzo 2011 
<p>Monster High: le polemiche</p>

Con le loro gonnelline ultramini, il trucco pesante e le zeppe impossibili, le Monster High sono la risposta della Mattel alle Bratz o alle fatine della Disney. Destinate, infatti, a ragazzine fra i 10 e i 12 anni (ma ci giocano anche le bimbe di 5) le otto bambole hanno tutte una loro storia, basata sull'idea di essere figlie di famosi mostri come Dracula e Frankenstein e, quindi, inevitabili portatrici di imperfezioni (Clawdeen Wolf è la figlia di un lupo mannaro e, quindi, piena di peli ovunque) che, però, non impediscono loro di "flirtare coi ragazzi" (la loro attività preferita) o di "fare di tutto per essere spaventosamente favolose".

«Le Monster High sono la celebrazione delle imperfezioni nostre e di quelle degli altri - ha spiegato un portavoce della Mattel al londinese Daily Mail - e sono pertanto la dimostrazione che le differenze piacciono».

Una spiegazione che, però, non trova affatto d'accordo genitori e psicologi che, al contrario, le vedono come un pericoloso esempio per le adolescenti. «Davanti a modelli così ridicolmente sessuali, si intuisce subito l'idea di bellezza e di malsana attenzione all'immagine del proprio corpo che viene fornita - ha detto la psicologa Dale Atkins al "Today Show" - e le ragazzine non si sentono a posto se non raggiungono tali standard. Per noi adulti è diverso: le guardiamo e vediamo quanto sia evidente il messaggio, ma le bambine giocano con queste bambole e poi si guardano allo specchio e non si piacciono».

«Cercare di "normalizzare" le differenze è senz'altro un'ottima premessa - le fa eco Eline Lipkin di Ms Magazine - ma, sfortunatamente, queste bambole fanno esattamente il contrario e basta guardare al look delle cinque protagoniste principali per rendersene conto, con quelle zeppe altissime, le vitine strette e i capelli lunghi che vogliono essere un monito di bellezza per le future generazioni». Ancora più critica la psichiatra Gails Saltz che considera le Monster High "pericolose e violente allo stesso modo dei videogames e dei film vietati ai minori".

 

>> LEGGI ANCHE TUTTI ALLA MONSTER HIGH SCHOOL

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).