Marco Mengoni
per "L'ora della Terra"

18 marzo 2011 
<p>Marco Mengoni<br />
 per "L'ora della Terra"</p>

Tra i personaggi famosi che hanno deciso di appoggiare la causa green impugnata dall'organizzazione WWF e diventare testimonial dell'iniziativa "L'ora della terra" - un evento globale fissato per il 26 marzo e dedicato a sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità di salvaguardare la salute del pianeta e risparmiare energia - c'è anche lui, il cantante Marco Mengoni. Che qui ci spiega come mai ha deciso di aderire a questa iniziativa globale e cosa fa, nel suo quotidiano, per vivere in maniera eco-friendly.

Com'è nata l'idea di diventare testimonial per la campagna "L'ora della terra"?
«Mi è stato chiesto di sostenere la causa e la proposta mi ha colpito subito, mi è piaciuta. E quindi ho aderito immediatamente e con piacere».

Chi o che cosa ti ha sensibilizzato nei confronti di questioni come la salvaguardia del pianeta e l'importanza del risparmio energetico?
«La consapevolezza che ho acquisito nel corso degli anni: molto semplicemente, con il passare del tempo, mi sono reso conto che le risorse del nostro pianeta non sono infinite».

Ci racconti che cosa fai tu, ogni giorno, per contribuire alla causa eco-friendly?
«Nel mio piccolo faccio la raccolta differenziata, non ho mai gettato cartacce per strada e uso la macchina il meno possibile».

L'ultima buona abitudine green che hai acquisito...
«Direi quella di usare la macchina lo stretto necessario».

Il tuo messaggio lo hai già lanciato nel video ("Questo è l'unico pianeta che abbiamo, è da matti non proteggerlo").Ti va per caso di aggiungere qualcosa adesso?
«Davvero, mi piacerebbe che fosse sufficiente quello che ho già detto».

Secondo te, al di là dell'iniziativa "L'ora della terra", come si potrebbe contribuire a diffondere tra la gente uno stile di vita più rispettoso dell'ambiente e maggiormente attento nei confronti del consumo energetico?
«Attraverso un'informazione più continua e capillare, ma al tempo stesso leggera e semplice nei toni. Inoltre io credo che certi temi andrebbero approfonditi anche a scuola, con i ragazzi, tra una lezione su Napoleone e una di trigonometria. È molto importante parlare della salvaguardia del pianeta con i più giovani: in fondo sono loro che hanno in mano in futuro».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Joy09 69 mesi fa

Ebbravo Marco... hai centrato il punto... credo anche io che la frase che lui ha scelto dica già tutto ! "Questo è l'unico pianeta che abbiamo, è da matti non proteggerlo" Quindi cerchiamo nel nostro piccolo , di aiutare il nostro ambiente... propio come cerca di fare Marco.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).