Arrivano i terribili «Promessi Morsi»

21 marzo 2011 
<p>Arrivano i terribili «Promessi Morsi»</p>

«Il 7 novembre 1628, verso sera, su un pendio di quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno, mentre le vette scoscese gettano un'ombra cupa su borghi e campagne e una nebbia spettrale pare inghiottire boschi e vallate, una ragazza tenta invano di sfuggire all'agguato di un essere dagli occhi rossi come tizzoni ardenti».

È questo l'inquietante incipit del nuovo romanzo in stile dark targato Rizzoli. Certamente starete pensando tra voi: «Mi ricorda qualcosa». E, vagando tra scolastiche memorie e antiche letture, arriverete a pensare ad Alessandro Manzoni e a quel ramo del lago di Como in cui inizia la romantica storia de «I promessi sposi».

Avete proprio ragione. Quest'ultima novità letteraria, infatti, si intitola «I promessi morsi» e altro non è che una parodia gotica del celebre romanzo dell'autore milanese. Firmato da un misterioso «Anonimo Lombardo», il libro racconta la storia di Renzo e Lucia tra monache-streghe, banditi-licantropi e frati che uccidono creature demoniache. In questa versione così tenebrosa, il vampiro Don Rodrigo riesce a mordere Lucia e a tramortirla con il suo lugubre fascino, costringendo Renzo a dividere con lui il cuore dell'amata.

Ne «I promessi morsi» i tradizionali personaggi del romanzo storico del Manzoni sembrano trasformarsi in Dracula o, più modernamente, nei personaggi della saga di Twilight. Certamente questo testo parodistico non resterà alla storia. Forse, però, farà trascorrere qualche ora divertente a qualche studente un po' annoiato.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).