I bambini fanno la felicità...dopo i 30 anni!

21 marzo 2011 
<p>I bambini fanno la felicità...dopo i 30 anni!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il figli fanno sì la felicità, ma solo se mamma e papà hanno più di 30 anni. Secondo una ricerca dell'Università della Pennsylvania e del Max-Planck Institute pubblicata su Population and Development Review, per costruire un'unione forte e duratura di figli ce ne vogliono addirittura quattro, fatti però in età non giovanissima.

Certo non una buona notizia per noi italiani che, stando agli ultimi dati l'Istat, abbiamo circa 1,2 bambini per nucleo, ma al tempo stesso anche una rassicurazione per tutte quelle coppie "moderne" che decidono di metter su famiglia solo dopo aver raggiunto gli obiettivi di studio e lavorativi prescelti. Per giungere a questa tesi i ricercatori americani hanno studiato coppie di età compresa fra i 30 e i 39 anni.

Dai 40 anni in su, a dichiararsi più soddisfatti della media sono stati i genitori con almeno tre bambini, mentre quelli over 50 si sono detti molto felici anche avendo uno solo. I figli insomma, secondo i ricercatori Mikko Myrskyla e Rachel Margolis, fanno sì la felicità delle coppie, ma solo di quelle non più giovanissime.

«Osservando il livello di soddisfazione personale all'interno di ogni famiglia, abbiamo notato che questo non dipende tanto da età, sesso, reddito, status e tassi di fecondità, quanto dal rapporto fra età dei genitori e presenza e numero dei figli», spiega Myrskyla.

Le ragioni per cui al di sotto dei trent'anni le coppie preferiscono la condizione di "fidanzatini" stanno tutte nella paura di affrontare notti insonni, preoccupazioni e tensioni, effetti collaterali alla nascita di un bambino che le persone più mature sopportano con molta più tranquillità.

E tu, cosa ne pensi? A che età hai avuto i tuoi figli? Racconta la tua esperienza.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).