Tre, due, uno: spegnete le luci!

26 marzo 2011 
<p>Tre, due, uno: spegnete le luci!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Pronti a spegnere la luce? Si avvicina l'Ora della Terra. A poche ore dall'evento globale indetto dal WWF per combattere i cambiamenti climatici e aiutare il nostro malandato pianeta, già centinaia  e centinaia di piazze in tutto il mondo iniziano a prepararsi.

In Italia è piazza Navona, a Roma, a ospitare il momento centrale dell'evento e alle 20.30 Christian De Sica ha l'onore di spegnere la storica fontana dei Quattro Fiumi del Bernini insieme al presidente onorario e fondatore del WWF Italia Fulco Pratesi.

Contemporaneamente si spegnerà anche l'immancabile Colosseo. Subito dopo, un minuto di silenzio, in tutto il mondo, per ricordare le vittime del Giappone.

Una ad una e attraverso tutti i fusi orari, le luci si spengono in in oltre 131 Paesi, dalla Tour Eiffel al Cristo Redentore di Rio, il Ponte sul Bosforo, le avveniristiche Kuwait Towers, la più grande moschea degli Emirati Arabi, le Cascate Victoria.

In Italia restano al buio numerosi monumenti simboli della nostra storia: il Duomo di Milano, Ponte Vecchio a Firenze, la Torre di Pisa, piazza del Campo a Siena, il Maschio Angioino a Napoli, la Basilica di Superga a Torino, l'Acquario di Genova e moltissimi altri ancora, con decine di iniziative lungo tutto lo stivale.

Info dettagliate sugli eventi previsti in tutte le piazze d'Italia su: www.wwf.it

>> Guarda anche Marco Mengoni, testimonial per l'Ora della Terra

>> Guarda anche Fare insieme la differenza: intervista a Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia per il WWF

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
antonella 71 mesi fa

Io ho parteciapto grazie per avermelo ricordato queste sono notizie!!!

alessia 71 mesi fa

anche io! è l'ora del pianeta ;)

so gia di partenza che il 95% degli americani non sono a conoscenza di questo evento.

illari 71 mesi fa

io partecipo

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).