Blogging day sulla scuola

12 aprile 2011 
<p>Blogging day sulla scuola</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Oggi è il primo blogging day sulla scuola italiana. Centocinquanta blogger (mamme, insegnanti, educatrici, papà e anche qualche studente) sta contribuendo, da questa mattina alle 10, a dar vita al primo "think tank" digitale dedicato all'istruzione, un'iniziativa di mobilitazione apartitica e apolitica che ha conquistando la Rete.

Se volete dare un'occhiata a idee, suggerimenti, mal di pancia o soddisfazioni sul mondo della scuola, cliccate sul sito http://paper.li/tag/scuolaitaliana, dove sono stati raccolti i primi post dei blogger che hanno aderito al progetto. Volete dire la vostra? Non vi resta che andare suFacebook e postare un vostro commento sulla pagina dedicata o se siete appassionate di Twitter, basta seguire l'hastag #bloggerperlascuola e #scuolapubblica e immergervi nel dibattito.

C'è chi, come Letizia Quaranta raccoglie post sulla scuola straniera messa a confronto con quella tricolore,  chi come Stefania Boleso critica le decisioni dell'attuale governo ( ), chi, come BisMamma descrive in maniera tragi-comica le riunioni scolastiche.

E voi, che cosa avete da dire? Ditelo su Style.it!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
bismama 40 mesi fa

E? stata una bellissima iniziativa. Grazie per la citazione :D

Chiara 40 mesi fa

Bellissima iniziativa! Qui il link con l'elenco di tutti i blogger che hanno partecipato http://pontitibetani.wordpress.com/blogger-su-scuolaitaliana-1242011/

Francesca 40 mesi fa

come non esiste più? non riesci a rientrare in qualche altro corso con esami simili? mi sembra pazzesco!

thecurlysoup 40 mesi fa

Se ne potrebbero raccontare delle belle sulle istituzioni scolastiche italiane. Lo sapete che non mi posso più laureare perchè il corso di laurea che frequentavo non esiste più??E' stato eliminato? Vi sembra giusto? http://thecurlysoup.blogspot.com/

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).