Piccole luxury per il baby?

28 aprile 2011 
<p>Piccole luxury per il baby?</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Pare un po' di cattivo gusto, in questi tempi di crisi, parlare di luxury per il baby. Ma la mamma in questione non è proprio una mamma comune: stiamo parlando di Rachel Zoe, che da stylist delle celebrities è diventata celebrities lei stessa, presenziando su ogni tipo di fashion media. Web, riviste, televisione, Rachel è ormai famosa e famoso è - ancora in fasce - suo figlio Skyler, che ha presentato ai fan lo scorso 31 marzo, via Twitter.

Sul suo sito (The Zoe Report), Rachel tiene una rubrica molto seguita sulla quale è possibile ricevere consigli di stile, compresi quelli sul baby. Le neo-mamme fashioniste non si sono lasciate attendere e così ecco stilata la lista dei prodotti top, dai vestitini ai giocattoli, passando per complementi d'arredo e bio-cosmetici.
Intimo e body sono ovviamente griffatissimi, come questi di Stella McCartney e l'"Essential Set" di Ralph Lauren. Per quando arrivano i primi freddi invece, ecco gli scarponcini in finta pelliccia di Minimink.
Firmato è anche il design della cameretta, da arredare con una mini seggiolina Kartell Kids. Infine, per il beauty, la stessa crema di mamma Rachel, Egyptian Magic Cream, un tormentone tra le star americane.

Pensando a Rachel Zoe, al suo amore per le firme e per il lusso, quando ho letto la lista di prodotti per il bambino mi sono sorpresa: pensavo ci sorprendesse con qualche luxury in più.
Certo è che in questa lista non mancano prodotti costosi che verranno utilizzati per poco tempo, come i vestitini, e davanti ai quali è impossibile non avere qualche dubbio.
Non si finirà mai di chiedersi: è giusto spendere cifre consistenti per abitini e accessori firmati? Piccole luxury per il baby, che vedranno la luce appena qualche mese prima di finire riposte nel fondo dell'armadio?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).