Social shopping, che affari!

04 maggio 2011 
<p>Social shopping, che affari!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Trattamenti benessere, week end, cene. Ma anche pc, borse, corsi di stile con un personal shopper e iscrizioni in palestra, nella propria provincia o in tutta Italia. Sono le offerte che vanno per la maggiore sui siti di social buying (conosciuto anche come social shopping), e assicurano sconti compresi tra il 50 e il 90%.

Tendenza nata in USA solo pochi anni fa, il social buying si basa sul principio dell'acquisto collettivo e sfrutta le potenzialità dei social network: i siti di riferimento raccolgono le offerte del giorno, gli utenti le valutano e poi decidono se prenotarne l'acquisto o meno. Se il gruppo d'acquisto che si va formando raggiunge una quota minima di acquirenti il gioco è fatto: il servizio (o l'oggetto) è venduto, e lo sconto per il cliente è assicurato.

In Italia, secondo i dati Nielsen dello scorso febbraio, i siti di social buying più gettonati - o meglio, cliccati - sono Groupon e Groupalia, rispettivamente 5 milioni e 1 milione e mezzo di utenti unici. E se pensate che Groupon, nato in America nel 2008 e che deve il proprio nome al mix tra group  e coupon, è sbarcato in Italia meno di un anno fa, non c'è da stupirsi che colossi come Google e Facebook abbiano guardato (peraltro inutilmente) a questi siti con un certo "appetito".

Fallito  dunque il tentativo di acquistare Groupon, Google ha creato Google offers, per ora attivo solo in alcune città USA; Mr. Zuckerberg ha invece creato "Buy with friends", già ben documentato nell'area developers di Facebook  (per ora pare sia stato testato in alcune città americane, mentre il debutto globale dovrebbe essere per il 1° luglio).

Come funziona? Chi gioca a un game fa compere virtuali (almeno per ora) grazie ai propri credits e poi si segnala l'acquisto nel proprio newsfeed; così gli amici interessati all'acquisto possono poi fare altrettanto, collegandosi direttamente dal newsfeed e godendo così di sconti ad hoc.

Quel che è certo è che i social network sono comunque molto usati dai fan del social buying, perché è lì che ci si scambiano informazioni, notizie e commenti sulle deals più appetibili del giorno (e che di solito durano 48 ore).

Tutto perfetto? In effetti qualche neo c'è. Secondo alcuni utenti, infatti, a volte c'è qualche problema nell'ottenere i servizi acquistati: ristoranti che dicono di avere posto solo durante la settimana, palestre che pretendono un'integrazione per la frequenza open, gestori non proprio gentilissimi quando si dice di avere un coupon (peraltro regolarmente pagato, anche se scontato!) da spendere.

Il trucco per evitare questi problemi? C'è, assicura chi se ne intende: sfoderare il coupon solo al momento di pagare. Non sarà forse molto elegante, ma a mali estremi….

>> Guarda anche RISPARMIARE SI PUO'. ECCO COME

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

silvia 63 mesi fa

Il social shopping farà il futuro del web: è comodo e conveniente. Vi suggerisco anche questo qui: www.leccellenza.it E' un progetto particolare che unisce le relazioni tra aziende e consumatori alle promozioni.. è un po' diverso dai vari groupon e groupalia, ma sembra un bel tentativo. E poi è nato nella mia terra, in Salento!!! Dateci un'occhiata

iva 64 mesi fa

Io consiglio a tutti il sito www.iperdeals.com dove poter trovare tutte le offerte dei principali siti di Social Shopping divise per città... più comodo di così!

luigi 67 mesi fa

Penso che questo dei gruppi di acquisto sia una grande pensata! Vi suggerisco, dato che neanche io amo perdere troppo tempo nel saltare da un sito all'altro come Groupon, Groupalia ecc, Vi suggerisco di andare su GuruDeal.it : http://www.gurudeal.it - Qui troverete tutti Deal e Coupon dei siti sopra elencati in una sola pagina web. L'acquisto avverrà poi presso di loro... Da provare!

Io, invece, con Groupon mi sono trovata benissimo. Certo è che SI DEVE prenotare con grande anticipo.

Mochi 67 mesi fa

Mi sono recentemente trovata molto male sia con Groupon che con Groupalia. Con il primo avevo prenotato un soggiorno di due giorni in un hotel, che non è mai stato possibile prenotare, prima perchè chiuso, poi perchè occupato. Con Groupalia ho acquistato due sedute di luce pulsata, ma non ho ricevuto certo un trattamento di favore dal centro estetico: a più di un mese dalla scadenza del coupon, non mi hanno più permesso di cambiare la data della mia prenotazione. Mi hanno detto che l'alternativa poteva essere quella di rinunciare al trattamento. Ho scritto a Groupalia per segnalare la questione e nessuno mi ha ancora dato risposta. Idem con Groupon: il numero verde è sempre occupato, e via mail nessuno mi ha considerato. Insomma, meglio spendere un po' di più ma sapere di poter ottenere dei servizi e essere trattati dignitosamente.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).