Good vibrations: è una Harley, ragazze!

09 giugno 2011 

Ok, le due ruote non sono per tutte. Ma sono per molte, specie se ti trovi sulla Gold Coast, se è giugno e se il vento dell'oceano non ti fa crepare di caldo. Non sarà un giro di molti chilometri, anche perché pur essendo in sella a una Harley, il DNA non è dell'Harleysta, ma rimane quello di una donna normale che per stare fuori necessita di trucco, vestiti di ricambio, shampoo, balsamo. Come minimo. E tutta questa roba dove la metti su una moto? Semplice, non la metti. Ti porti la borsa a tracolla con dentro i primi generi di sopravvivenza.

Dopo i primi metri una piacevole scoperta è che la faccenda delle "good vibrations" è vera, alla faccia di quelli che guardando una Harley Davidson dicono che salta come una lavatrice. Assolutamente no, le vibrazioni ci sono, ma sono piacevoli perché danno la sensazione del motore che spinge, non della centrifuga.

Nel traffico cittadino ci si muove bene, la Forty Eight è stretta e con quel suo serbatoio "peanuts" si districa nel traffico facendoti sentire sempre sicura, anche perché è parecchio bassa da terra. Sentire di avere il controllo in ogni momento contribuisce a farti godere della spinta in accelerazione, unica pecca la posizione dei pedali che sono belli in avanti, ma quando ti ci abitui e entri nel mondo dei gilet di pelle nera, capisci che lo stile di guida non può che essere così.

Si parte e la prima meta è subito un posto leggendario, il Rock Store, in cima a una strada in collina sopra Malibu. Fondamentalmente un parcheggio con una pompa di benzina, diventato luogo di culto di tutti gli smanettoni locali. C'è una vista spettacolare e ci sono le strisciate dei pedali sull'asfalto, eppure se il Rock Store fosse il Bar Gino in provincia di Rimini pensereste semplicemente che è un posto per smanettoni, appunto. Ma siamo a Los Angeles, quindi è tutto molto figo.

Per arrivare fin qui si è obbligati a prendere la Freeway, dove si guadagna in tempo di percorrenza ma si rischia di perdere qualche otturazione: bella la Harley, ma sopra una buca, un catarifrangente, una sconnessione del terreno sembra davvero di perdere i pezzi, e la schiena. Questo perché è una moto per esteti, prima di tutto, dove le sospensioni ci sono, sì, ma hanno un'escursione ridottissima. La Harley deve essere bassa, meglio se raso terra: i puristi le sospensioni non le mettevano proprio in virtù di un design il più pulito possibile, mentre oggi le Softail sono tra le più apprezzate proprio perché le molle le nascondono alla perfezione.

A dimenticarsi la noia della Freeway ci si mette poco: la Mulholland Highway è una gioia per chi ama guidare perché i raggi delle curve sono quasi perfetti, l'asfalto è impeccabile e la pendenza non è troppa ne troppo poca. Scopri così che la Forty Eight è addirittura maneggevole, nonostante la fama delle Harley di essere fatte più per andare dritte che per curvare, anche se prendendo confidenza le pedane strisciano subito lasciando qualche solco per terra.

Già che è in zona, perché privarsi di un passaggio a Malibu? Nella speranza -vana- di incrociare del vippame locale urge controllare il make up nello specchietto. L'operazione non è semplice, perché gli specchietti retrovisori delle Harley Davidson e delle moto in generale sono sempre troppo piccoli, ma con la straordinaria manualità delle emergenze tutto riesce alla perfezione. Purtroppo, limousine con signore botulinizzate a parte, gli incontri vip da registrare si fermano a un rapper di colore che ha fatto la comparsa in un video di Nelly Furtado. Nome di battesimo non pervenuto.

Guidare una Harley Forty Eight significa già sentirsi molto figa a ogni semaforo, quando chi ti sta intorno brama spudoratamente la tua moto -e te di conseguenza-, ma guidare una Harley Forty Eight CVO ti obbliga a fare una puntata da Bartels, "Il" concessionario numero uno della West Coast. Tanto per cominciare ha un proprio Wall of Fame, che testimonia quante ne ha vendute a Robert De Niro, Nicholas Cage, Schwarzy e attori miliardari in dollari come loro.

Poi c'è una scelta praticamente infinita di CVO, ovvero le customizzazioni speciali elaborate nei motori, ma soprattutto nei colori e negli accessori, tanto che l'aspirazione massima di un omone con la barba e la birra in mano potrebbe essere il serbatoio glitterato dell'ultima Softail. Marmitte, manubri e tinte speciali spesso rimangono solo aspirazioni, però, perché i prezzi di questi gioielli cromati si aggirano in media sui 35.000 dollari.

Vi dice nulla il nome Gibson? Gibson Guitar è il produttore di chitarre più famose del mondo, nel senso che la maggior parte dei tizi spiantati passati per le sale prove di Gibson poi si sono chiamati Bon Jovi, Red Hot Chilli Peppers, Santana, Jimi Hendrix (tanto per citarne alcuni). Nello showroom di Beverly Hills si toccano con mano le chitarre che i Doors e Jack Frusciante si sono fatti fare su misura. Attraversando quei corridoi può capitare di vedere appese al muro le chitarre dei Nirvana, compresa quella di Kurt Cobain, con tanto di foto originale dell'album Nevermind. Imperdibile!

Ultima tappa, solo per chi non si spaventa nel lasciare segni indelebili sul proprio corpo, dai tatuaggi, ai marchi a fuoco o agli impianti sotto pelle. Si può dire che Todd, l'artista della Velvet Grip Family Tatoo, abbia consacrato la propria vita alla "customizzazione" umana e che sia stato coerente anche quanto a mezzi di trasporto, visto che guida una Sportster 1200 Custom azzurrina. Il motore è lo stesso della Forty Eight, sempre un 1200, ovvero quanto di più lontano ci sia da un motore giapponese, per la melodia caratteristica che lo rende unico e che ti fa battere il cuore come quando guardavi Luke Perry in Beverly Hills 90210. In soldoni: fa casino.

Gli indirizzi:

The Rock Store, 30354 Mulholland Highway (between Malibu Canyon/Las Virgenes Road and Kanan Road, Cornell, California 91301)

Bartels Harley-Davidson, 4141 Lincoln Blvd. Marina Del Rey,CA 90292

Gibson Guitar Showroom, 9350 Civic Center Dr. Suite 130,Beverly Hills, CA, 90210

Velvet Grip Family Tattoo, 7213 ½ Santa Monica Blvd. West Hollywood, CA 90046

>> GUARDA LA GALLERY UNA BIKER ON THE ROAD

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).