Susanna Majuri: storie liquide

21 giugno 2011 
<p>Susanna Majuri: storie liquide</p>

L'elemento fondamentale delle fotografie di Susanna Majuri è l'acqua. Prima di tutto perché, in quanto incolore, si adatta a tutti i soggetti possibili, poi per il modo in cui riflette la luce, infine perché può modificare i contorni dei corpi immersi in essa.

L'acqua permette a persone animali e oggetti di galleggiare, ed è proprio questo il bello delle atmosfere oniriche create dall'artista finlandese, che in realtà ha usato come location tantissimi luoghi diversi quali: Islanda, Norvegia, isole Faeroe e Svezia.

L'artista chiede, in ogni suo viaggo, alle persone del luogo, di essere i modelli delle sue foto immergendosi in acque gelide. Molte delle foto sono scattate direttamente sott'acqua dove è stata ricreata una sorta di Atlantide, in cui ogni scatto è un'avventura diversa.

E le sue immagini da sogno, trovano sempre ispirazioni nella musica, nelle leggende popolari e nelle fiabe nordiche. Rappresentata dalla galleria Adler di New York e di Francoforte, Susanna Majuri è ormai una giovane star del mondo della fotografia contemporanea che incanta il pubblico con la magia del suo mondo.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).