Eredità Alexander McQueen:
50mila sterline ai suoi cani

27 luglio 2011 
<p>Eredità Alexander McQueen:<br />
 50mila sterline ai suoi cani</p>
PHOTO SGP ITALIA

Quando si impiccò nella sua casa di Mayfair nel febbraio dell'anno scorso, Alexander McQueen lasciò un biglietto che diceva semplicemente Look after my dogs, sorry, I love you, Lee (ovvero, abbiate cura dei miei cani, mi dispiace, vi voglio bene).

E per assicurarsi che le sue ultime volontà venissero seguite davvero alla lettera, lo stilista ha lasciato ben 50mila dei 16 milioni di sterline della sua fortuna a Minter, Juice e Callum: il denaro verrà messo in un fondo fiduciario così che i tre adorati cagnolini possano vivere senza problemi fino alla fine dei loro giorni.

Ma McQueen ha pensato anche agli altri animali meno fortunati dei suoi cucciolotti, lasciando 100mila sterline cadauno al Battersea Dogs and Cats Home e al Blue Cross sick animal centre di Burford. E dopo aver sistemato i suoi amici a quattro zampe, il celebre stilista ha rivolto le sue attenzioni anche agli umani, disponendo che 250mila sterline andassero ad ognuno dei suoi fratelli (ne aveva 5 fra maschi e femmine) e 50mila ad ogni nipote, come pure a Marlene e Cesar Garcia, la coppia di domestici che si è occupata di McQueen per tanti anni (fu il signor Garcia a trovare il suo corpo appeso nel guardaroba).

Stando a quanto riporta la stampa britannica, il resto degli averi dello stilista verrà diviso fra il Terrence Higgins Trust e il London Buddhist Centre, anche se la quota maggiore spetterà alla sua charity Sarabande, così chiamata in omaggio alla collezione P/E del 2007, che dovrà usare il denaro per una serie di borse di studio per gli studenti del St Martin's College of Art and Design di Londra, dove McQueen studiò moda.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).