Ravenna in giallo (e nero)

21 settembre 2011 

Ravenna si tinge di giallo (e di nero): sabato 24 settembre comincia "GialloLuna NeroNotte", il festival della letteratura poliziesca e noir, che continuerà fino a metà ottobre.

A inaugurare la rassegna ci pensano i ragazzi delle scuole della città, che danno appuntamento alle 11 alla Manica Lunga della biblioteca Classense: per l'occasione, hanno allestito la mostra "L'anima gialla degli studenti". In esposizione ci sono i lavori degli allievi del liceo artistico "Pier Luigi Nervi" e dell'istituto per il mosaico "Gino Severini" di Ravenna. Durante l'anno, hanno seguito gli incontri sulla storia e sui meccanismi della letteratura poliziesca, e hanno scritto piccoli testi, ma anche racconti più articolati, di ispirazione noir. Ma non solo. Hanno anche provato a proporre la loro "idea visiva" del giallo metropolitano, e le immagini dei monumenti patrimonio dell'umanità sono diventati "scene del delitto". Alcuni degli studenti hanno anche trasformato in progetti visivi i racconti scritti dai compagni.

La mostra è aperta fino al 10 ottobre, dal lunedì al venerdì dalle 14,30 alle 18,30 e il sabato dalle 14,30 alle 17,30. Durante la "Notte d'Oro" (l'8 ottobre), è prevista un'apertura straordinaria dalle 19 alle 22.


La giornata gialla e nera continua con un altro appuntamento: alle 18,30, a Sant'Alberto, al Museo NatuRa, sarà presentato il libro "L'ombra del delitto" di Francesco Talanti. Era un insegnante poliglotta, autore di saggi e di sonetti in dialetto romagnolo e di moltissime opere andate perse. Gli organizzatori del festival ripropongono ai lettori, a cento anni dalla prima edizione, un suo romanzo, edito nel 1911 a Bellinzona, e mai più pubblicato. La partecipazione a tutti e due gli appuntamenti è gratuita.


Per il programma completo della rassegna: www.gialloluna.it.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).