"Eva dove vai?", il viaggio della donna
nel tempo e nel mondo

06 ottobre 2011 
<p>"Eva dove vai?", il viaggio della donna<br />
 nel tempo e nel mondo</p>

Da Eva in poi, quanta strada abbiamo fatto? Siamo riuscite davvero a mostrare le potenzialità dell'essere donna o abbiamo inseguito i modelli maschili, cercando di appropriarcene?

Hannes Schick (www.hannesschick.com), reporter di guerra e ritrattista, prova a proporre un viaggio attraverso il mondo interiore, le esperienze, i traguardi e le conquiste di donne che si sono messe in gioco e hanno cercato il loro posto nel mondo senza fermarsi. Lo fa nel linguaggio che più di tutti gli appartiene: la fotografia.

Il 6 ottobre, dalle 18,30 alle 22, allo Spazioriginale di Milano (in via Savona 55/A), aprirà la sua mostra, "Eva dove vai?", che il pubblico potrà visitare dal 7 al 13 ottobre, tutti i giorni dalle 16,30 alle 20,30 (ingresso libero).

In esposizione ci sono ritratti di donne semplici, sensuali, forti e fragili, che riuscivano a essere eleganti anche nei posti più remoti della terra, "da vittime del passato a protagoniste del futuro senza spargere una goccia di sangue", come lui stesso le definisce. Donne private di tutto, tranne che della loro femminilità.

Le foto esposte sono in vendita e parte del ricavato sarà devoluto all'associazione AIDOS (www.aidos.it, Associazione italiana donne per lo sviluppo, una ong che promuovere i diritti, la dignità e la libertà di scelta di tutte le donne).

Ma non finisce qui: dal titolo della mostra è nato un progetto tutto al femminile (www.evadovevai.com), che ha l'obiettivo di incoraggiare le donne a seguire le loro scelte di vita e di fare emergere le loro potenzialità creative, che siano nella musica, nella fotografia, nel cinema, nel teatro o nell'arte. Gli eventi proposti (mostre, spettacoli teatrali, letture, incontri) continueranno anche nei prossimi mesi.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).