L'Olimpo degli chef

23 aprile 2010 
<p>L'Olimpo degli chef</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

L'attesa è quasi finita. Lunedì 26 aprile sapremo finalmente la composizione del nuovo Olimpo della ristorazione mondiale. Gli dei in questione saranno infatti nominati a Londra, nella storica Guildhall, in occasione della nona edizione del premio San Pellegrino World's 50 Best Restaurants. Incrociamo le dita e speriamo che i rappresentanti italiani possano eguagliare - se non migliorare - la dignitosa prestazione della passata edizione, nella cui classifica piazzammo 6 top restaurants.

La new entry Massimo Bottura (Osteria Francescana) sfiorò la top ten con un esaltante 13esimo posto, seguito dal 22esimo di Carlo Cracco, titolare del ristorante omonimo e dal 28esimo di Fulvio Pellegrini (Gambero Rosso). Leggermente staccati, Antonio e Nadia Santini (Dal pescatore), Davide Scabin (Combal.zero) e Massimiliano Alajmo (Le Calandre). Il detentore dello scettro non poteva che essere lui, l'osannato, invidiato e criticato Ferran Adrià con il suo El Bulli che ha spiazzato tutti con il recente annuncio di chiusura, per fortuna temporanea, del suo gioiello.

Fiato sospeso, quindi, fino alla pubblicazione dei risultati che saranno decretati da ben 800 autorità internazionali nel settore della ristorazione in rappresentanza di 27 distinte aree mondiali: ciascuna potrà indicare 5 preferenze di cui almeno due al di fuori del territorio di appartenenza.

Per gli appassionati, registrandosi sul sito della manifestazione, sarà possibile avere tutte le informazioni sull'high class della ristorazione globale.

Per conoscere la top ten 2009 e i rappresentanti italiani, clicca qui.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).