Menu da favola

28 giugno 2010 
<p>Menu da favola</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Una serata decisamente insolita. Tra folletti e principi azzurri, ecco una cena dove lasciar scatenare la fantasia...

C'erano una volta tutti i personaggi delle fiabe che organizzarono una cena. Erano tempi duri, ormai i bambini passavano tutto il tempo davanti alla play station e alla televisione; i genitori lavoravano troppo e non avevano tempo di leggere le fiabe ai loro pargoli. Per consolarsi i nostri eroi decisero di passare una serata in allegria.

La padrona di casa era la Bella Addormentata, che per l'occasione si svegliò e accolse i suoi ospiti, come una perfetta padrona di casa. Si presentarono tutti con un piatto cucinato da loro.
Arrivò Pollicino con le girelle di pane con salsa alla menta e la Principessa sul Pisello con uno sformato di piselli... naturalmente!

Cappuccetto Rosso si presentò con i canederli alla maniera della nonna e per chi preferiva il pesce la Sirenetta cucinò i cannelloni al ripieno di pesce.

Arrivarono i Tre porcellini, che corsero via quando si accorsero che il gatto con gli Stivali stava preparando le bracioline di maiale al pepe verde, ma ritornarono indietro sentendo il profumino dei gamberoni flambes della Piccola Fiammiferaia.

Al contorno pensarono la Principessa Raperonzolo con una purea di rape rosse e i 7 nani che raccolsero i funghi nel bosco e prepararono degli sformatini di funghi con salsa di scalogni.

Biancaneve preparò una crostata di mele, ma nessuno l'assaggiò, per ovvi motivi, per fortuna Hansel e Gretel avevano cucinato le stelle di marzapane e cioccolato, le preferite dal Piccolo Principe.

La cena riuscì benissimo, tutti si divertirono e mangiarono con appetito, soprattutto Cenerentola, che di tutti i piatti fece... scarpetta!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).