Non la solita piadina

08 settembre 2010 
<p>Non la solita piadina</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Parte l'8 settembre dalla 67° Mostra del Cinema di Venezia, come evento collaterale alla proiezione fuori concorso del primo "lungometraggio stereoscopico", All Inclusive, del gruppo ZAPRUDERfilmmakersgroup, la presentazione del Piadina Days week-end con una degustazione di prodotti tipici romagnoli.

L'iniziativa è finalizzata alla promozione dell'evento interamente dedicato alla piadina, il pane dei romagnoli.

Sono infatti ben 27 i comuni  della provincia di Forlì-Cesena che aderiscono all'iniziativa dell'11 e 12 settembre che vedrà 153 eventi sparsi sul territorio provinciale ed il coinvolgimento di oltre 470 aziende e strutture private.

La manifestazione celebra la famosa "piada", una regina della tavola romagnola dalle umili origini, (farina, acqua, bicarbonato, strutto e sale) apprezzata ben oltre i confini regionali, soprattutto se abbinata a qualcuna delle sue molte farciture, come i formaggi a pasta morbida, il pesce azzurro, i salumi o i fichi caramellati.

Molti saranno gli eventi di contorno, come concerti, spettacoli, gare da Guinnesse ma soprattutto laboratori gastronomici per grandi e piccini per imparare a preparare la vera piadina romagnola, che dovrà per forza di cose "sposarsi" con vini del territorio come il Sangiovese di Romagna; alla cerimonia saranno invitati anche i suoi "parenti" più stretti come le cantarelle, la piadina dolce e fritta, i tortelli alla lastra, i crescioni e il bartolaccio.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Rachele 76 mesi fa

io lo fatta e buonissima , con i broccoletti fatti prima lessare ,e poi fare un soffritto di cipolla e un po di peperoncino ancora caldo , ammalgamo, un cucchiaio di formaggio grana , e le spalmo sulla piadina e scuisita, con un bicchiere di vino ,san giovese e buon appetito. Cia fatemi sapere.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).