Fave e cicoria

26 novembre 2010 
<p>Fave e cicoria</p>

Tipico piatto della tradizione pugliese. Ricetta molto semplice e particolarmente gustosa. Una volta provata la preparerai moltissime altre volte soprattutto nei periodi freddi.

Scopri i dettagli della preparazione!

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Grazie Lelalle, la proverò sicuramente! La versione che mi ha insegnato una nonna foggiana e che faccio abitualmente, evidentemente, è un po' riveduta e corretta ;-)

lelalle 73 mesi fa

Ciao Cristina, la ricetta era delle nostre nonne, segreto di famiglia ;)) Purtroppo non è semplice trovare la cicoria selvatica, per quella bisogna perlustrare cm per cm i campi... Dalle ns parti ti puoi fidare di chi la raccoglie e la conosce, un pò come i funghi. Comunque, almeno la cicoria non va ripassata, ma solo lessata e condita con olio a crudo. Le fave vanno cotte senza la cipolla, ma con quel poco di acqua che deve assorbirsi completamente con la cottura, non vanno passate al passaverdura, nè frullate. Le fave devono avere consistenza soda. Poi, secondo i gusti, pane tostato o semplicemente raffermo, e poi c'è chi aggiunge poche patate schiacciate...

Ciao Lelalle, la tua ricetta deve essere una delizia, inviala! La pubblicheremo con molto piacere e, soprattutto, la preparerremo (e mangeremo!) con gusto! Ecco il link per inviare la ricetta http://cosacucino.style.it/oggi-preparo-spedite.php Grazie, ciao :-) Cristina

lelalle 73 mesi fa

...ma per carità...quella è una specie di purea non meglio definita..e quelle cicorie... La ricetta vera è con la verdura di campo, selvatica, e le fave hanno tutta una preparazione che parte dalla sera prima, un'arte insomma, che non s'improvvisa con rispetto parlando. Ciao da una pugliese D.O.C.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).