Cucina vegetariana, a lezione dallo chef

25 febbraio 2011 
<p>Cucina vegetariana, a lezione dallo chef</p>

Ricette uniche e sofisticate, sapori insoliti accanto ad elementi che di solito non si accostano, oltre ad un cioccolatino senza il cioccolato: per scoprire gli insospettabili accordi della cucina vegetariana e vegana, che unisce gusto ed ingredienti che escludono l'uso delle proteine di origine animale, si può frequentare il corso dello Chef Simone Salvini, dell'AVI presso l'hotel Hilton a Milano, in via Galvani 12.

Da domenica 27 febbraio, per due domeniche al mese, fino alla fine del 2011, si potranno apprendere i segreti del vegetarismo, partendo dalla sua storia, le informazioni nutrizionali e la descrizione delle differenze alimentari, per arrivare alla preparazione vera a propria dei piatti.
Si imparerà a preparare una maionese senza uova, insalate primaverili con fiori ed erbe selvatiche ma anche tofu e seitan, cercando di cogliere la filosofia sottostante basata sull'amore per la vita in ogni sua forma.

L'esperienza di Salvini, che unisce i principi della disciplina ayurvedica con la tecnica maturata fra Irlanda, India e Italia, durante il corso "Aspettando la Primavera", accosterà fragole e pomodori, piselli e petali di rosa, e arrostirà il tofu, accompagnandolo con crema di zucchine e lime, solo per citare alcuni dei piatti proposti.

I prossimi appuntamenti sono previsti per il 13 ed il 27 marzo e dureranno dalle 12.00 alle 18.00: durante la preparazione dei corsi verranno distribuiti assaggi di quanto cucinato. Il costo è di 130 euro o di 110 euro per chi è già socio Avi, per iscrizioni: info@vegetariani.it - 02.45471720 o il sito www.vegetariani.it . Per chi arriva da fuori Milano è possibile un pernottamento all'hotel con un prezzo speciale contattando lo 02.69831 (rif. Walter Sansò)

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Grazie!!!!!!!!!!!Siete molto bravi.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).