Cioccolato "sensuale" a Lecco

07 marzo 2011 
<p>Cioccolato "sensuale" a Lecco</p>

Un modo insolito di festeggiare la festa della donna, più intimo e voluttuoso di cena fra amiche o di una serata per locali, ascoltando brani letterari e gustando dolci praline al cioccolato. Ma non solo. Anche una raffinata selezione di tavolette grand cru, accompagnate da cremini e vini liquorosi, in un viaggio dei sensi tutto al femminile.

L'appuntamento è per martedì 8 marzo alle 21.00 in via Roma 1 a Bulciago (LC) dove L'atelier delle arti e del gusto propone un incontro gratuito dedicato al rapporto tra la sensibilità femminile e la passione per il cacao, in cui Luca Radaelli, attore e regista teatrale, leggerà brani scelti di scrittrici che accostano sentimenti e cioccolato, ma anche sensualità ed eros.

Si inizierà con le pagine di "Come acqua per il cioccolato" di Laura Esquivel, l'autrice sudamericana che nelle terre natali del cacao ha ambientato il suo romanzo, dove l'arte culinaria fa da sfondo alla vicenda della sensuale storia d'amore fra Tita e Pedro, si passerà per quelle di "Chocolat", il tenero romanzo di Joan Harris e la forte sensualità di Afrodita di Isabel Allende, con il suo decantato rapporto fra cibo ed eros, per arrivare alle pagine di Gozzano che racconta di signore in pasticceria e ad un ghiotto e poco conosciuto dialogo fra il conte donnaiolo e la locandiera dell'omonima commedia del Goldoni, dove la cioccolata è spunto per un gioco di doppi sensi.

La lettura verrà inframmezzata dalla degustazione di prelibatissime golosità, guidata da Mauro Rossetto, presidente di Atelier del gusto, storico e sommelier, che accompagnerà praline e tavolette con liquori, fra cui Sherry Cream e Rum Demerara. L'offerta di assaggio è ricca e particolarmente raffinata: Porcelana, nero purissimo, chiamato così per il colore chiaro del seme da cui è prodotto, dal gusto deciso, che lascia un delicato sapore al palato, il "9" dove convergono nove diverse tipologie di cacao che provengono da piantagioni diverse, dal gusto avvolgente e leggermente acido, e Chuao e Venezuela, entrambi provenienti dalle zona omonima, purissimi, dal gusto avvolgente, armonico e pulito, che, accostati ad un vino passito o liquoroso, rappresenteranno al meglio le peculiarità sensoriali ed emozionali del cosiddetto "cibo per gli dei".

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).