Le ricette dei Designer,
tra gusto e architettura

28 maggio 2011 
<p>Le ricette dei Designer,<br />
tra gusto e architettura</p>

La cucina incontra il design e produce piccole opere d'arte e di gusto, in cui, oltre alla qualità si considera anche l'originalità della forma e della presentazione del piatto, curata dai migliori design italiani.

Una macedonia prende le avveniristiche forme dello skyline di Manhattan, l'anguria diventa un rubino, la polenta crea le architetture dei palazzi torinesi e un semplice panino con hamburger si trasforma in quattro spiedini, accompagnati dalla decorazione di patatine fritte.

Tutte queste ricette scenografiche e molte altre, frutto della fantasia e della creatività di 130 designer  italiani sono raccolte ne Le ricette dei designer 2, seconda edizione del volume, Le ricette dei designer - 70 ricette in punta di forchetta, già vincitore del Premio Bancarella Cucina 2010.

A Bologna, lunedì 30 maggio alle 18.30 si terrà la presentazione del volume alla Libreria Coop Ambasciatori, cui interverranno alcuni dei designer che hanno partecipato alla stesura del libro, fra cui Paolo Barichella, teorico della filosofia del food design e studioso di food engineering .

Al termine è previsto un Live Cooking Show, dove i cuochi di Eataly insieme agli stessi designer proporranno un gustoso menù a tema.  Si inizierà con un Trittico alla Mantegna, dello stesso Barichella, che prende spunto da un'antica ricetta rinascimentale dei Gonzaga, a base di pasta, fagioli, salsiccia e vino bianco, per continuare con Mc Cuisine, il panino con hamburger che diventa spiedino e un'insalata particolare, per finire con un'altra ricetta di pasta e la Manhattan Fruit Salade, macedonia che diventa plastico di una città.

Il costo della cena, bevande escluse, è di 35 € e di 45 € comprese e, data la limitata disponibilità di posti, è consigliabile prenotare allo 051/0952820.

 

 

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).