Risparmio Super ti aiuta a far la spesa risparmiando

09 agosto 2011 
<p>Risparmio Super ti aiuta a far la spesa risparmiando</p>

Tutto è nato dall'esigenza di Barbara Labate, business developer, che, in America per un costosissimo master, decide di risparmiare un po' e inizia dalla spesa settimanale. In breve tempo nasce un sito web, www.risparmiosuper.it che oggi permette di comparare i prezzi di moltissimi prodotti venduti in supermercati, ipermercati e discount su tutto il territorio nazionale.

Trentadue insegne della grande distribuzione e più di novemila punti vendita monitorati quotidianamente per paragonare i prezzi di generi alimentari, elettrodomestici, prodotti per l'igiene ed elettronica di consumo. Risparmio Super, grazie alle novità introdotte negli ultimi tempi, permette di verificare il costo totale della propria spesa in ciascuna catena prima di recarsi nel supermercato sotto casa e, attraverso una funzione di geolocalizzazione, indica il punto vendita più vicino dove risparmiare fino al 15%.

Sul sito, creato da Barbara Labate insieme a Zion Nahum, esperto di marketing on line, è attivo anche un link, http://www.risparmiosuper.it/prezzomedio dove si può vedere l'andamento del prezzi medi di qualsiasi genere alimentare, in differenti provincie, nell'ultimo mese. È possibile anche registrarsi a Risparmiosuper.it e, lasciando il proprio numero di cellulare, essere aggiornati con un sms su offerte e promozioni del supermercato abitualmente visitato.

Quest'anno il sito ha vinto due premi internazionali: uno a New York e l'altro in Silicon Valley, per l'eccellenza della imprenditorialità italiana nel mondo, ha due pagine Facebook e Twitter dedicate e da settembre sarà attiva un'applicazione Iphone che in tempo reale fornirà all'utente il prezzo di un prodotto in tutti i punti della grande distribuzione, leggendo soltanto il codice a barre.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).