Cena Flambé

26 settembre 2011 
<p>Cena Flambé</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Per rendere una serata non solo spumeggiante ma anche fiammeggiante, porta in casa tua la cosiddetta "cucina di sala", che utilizza il fuoco ed il suo fascino per soddisfare palato ed occhi.

E' sicuramente di effetto ma necessita di cura e precauzioni, per non subire i "danni collaterali" di una tecnica che sfrutta uno degli elementi della natura meno controllabili. Puoi anche aiutarti con un manuale specifico.

Quasi tutti i cibi possono essere "flambati", assorbendo il liquore ed acquisendo così maggior sapore.

Perché per esempio non provare a sostituire l'ultima passata in forno con una bella fiammata per questi gamberi in camicia?

Ricorda di usare liquori sempre ad elevata gradazione (almeno 40°) e che sia il liquore che la pietanza devono essere ben caldi.

Stupisci i convitati, servendo dei cartoccini infuocati di spaghetti gialli.

Usa recipienti non infiammabili, attenzione alla tovaglia e soprattutto ai capelli degli invitati!

Un filetto di pollo magari con un contorno di radicchio pazzo.

Per dessert, oltre alle classiche banane flambè, un dolce caldo-freddo con ananas da infiammare sulla griglia e gelato al cocco.

 

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).