TENDENZE

Tutti a tavola: l'arte è servita!

01 marzo 2010

Artisti, creativi, scultori. Vivono per realizzare nuove forme estetiche, sperimentazioni edonistiche. L'arte è il loro cibo. A volte però, capita che il cibo sia, letteralmente, la loro arte. Verdura, frutta, formaggi, dolci: è con questi materiali che i food artist danno vita alla loro visione del mondo. Il burro come la creta, la marmellata come i colori a olio, questi lavori dimostrano che non c'è limite alla fantasia. Perché costruire delle opere d'arte con ingredienti commestibili è davvero una buona, buonissima idea...

Vik Muniz, classe 1961, artista brasiliano trapiantato a New York, è dotato di incredibile sense of humour a partire dai media che utilizza per creare. Sperimentatore, trasforma il cotone, il filo di ferro, lo zucchero, la pasta, persino lo sciroppo al cioccolato (con cui ha interpretato l’Ultima Cena di Leonardo) in capolavori che nulla hanno da invidiare alle opere “tradizionali”. Curate nei dettagli fino a ingannare da lontano lo spettatore che non si aspetta certo questi materiali, Muniz è probabilmente una delle personalità più famose fra i food artist di oggi. Rappresentato da gallerie a livello internazionale, ha fatto parlare molto di sé per le sue due bellissime versioni di Gioconda di marmellata e di burro di noccioline. Chissà se Leonardo, uomo che fu più che un innovatore nella sua epoca, approverebbe…

(Nella foto: Double Mona Lisa (Peanut Butter and Jelly), 1999, Vik Muniz, Courtesy Sikkema Jenkins & Co., NYC)

    Tags:
    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).