TENDENZE

Yes they can, l'integrazione si fa trendy!

02 luglio 2010

Dai detenuti del carcere di Opera che realizzano 2500 chili di gelato alla settimana a quelli del carcere di Volterra che allestiscono spettacoli teatrali di richiamo, alla cooperativa di ragazzi down che gestisce un ristorante romano. Vaggio da nord a sud nelle realtà sociali che puntano al riscatto

Precedenti Successivi

MILANO Aiscrim - I prigionieri del Gusto

1/10

Cos'è Un laboratorio (nato due anni fa) in grado di produrre gelato e semifreddi lavorati di alta qualità che vede protagonisti diciotto ergastolani del carcere di Opera. Produce circa 1000 torte, 15mila ghiaccioli e 2500 chili di gelato alla settimana. Serve ogni giorno 14 punti vendita (sette Coop e sette artigiani).
Perché ci piace è una soluzione golosa per i consumatori che aiuta i detenuti "a lasciarsi alle spalle una vita sbagliata"
Per saperne di più Aiscrim - I prigionieri del Gusto >>

    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).