TENDENZE

Do it yourself. In casa

27 ottobre 2010

Risparmio e creatività, il giusto binomio in casa. Perché spendere quando possiamo imparare da sole con un po' di fantasia? Se le più pigre sceglieranno uno dei corsi "di sopravvivenza" tra i fornelli, le appassionate di giardinaggio &Co. potranno creare un vero e proprio orto in casa (molto in voga tra le celeb). E non è tutto...

Precedenti Successivi

Sopravvivenza in cucina

1/5

Se siete alle prime armi, e non sapete da che parte cominciare, la soluzione si chiama Corso di Sopravvivenza. Quattro lezioni per dare, a chi lo frequenta, le basi indispensabili: qualche sugo per la pasta, un risotto, una zuppa, quattro piatti di carne veloci. Destinato, insomma, a chi “vuole imparare una ventina di piatti per garantirsi una sopravvivenza dignitosa e anche qualche spunto per un piccolo invito a cena per gli amici”, dice la responsabile dei corsi della scuola La Pentola delle Meraviglie, Barbara Desderi.

Per le nostalgiche che vogliono conservare i ricordi dei profumi dell’estate, nulla di meglio del corso dal titolo “Marmellate Chutney & C. “: potete imparare a preparare i peperoncini ripieni sott’olio, ma anche conserve particolari come i chutney, ketchup, aceti e oli aromatizzati (3 lezioni in tutto). Chi vuole “mettere le mani in pasta”, può scegliere i corsi su come fare in casa il pane, oppure il formaggio, il gelato e addirittura la birra, risparmiando sul carrello della spesa e divertendosi: vengono, in aiuto, le lezioni della Scuola di cucina intelligente, organizzati dalla Cast Alimenti di Brescia. Durano 3/4 serate (si svolgono da fine ottobre a metà gennaio. Costo: dai 110 ai 220 euro) e sono tenuti da docenti che seguono gli allievi nella preparazione degli alimenti, passo dopo passo.

Info: www.lapentoladellemeraviglie.it
www.magazzinoalimentare.it

    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).