Mamme, al lavoro!

16 maggio 2011 
<p>Mamme, al lavoro!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Dopo Letizia Quaranta, esperta di bilinguismo, Elaine Barbosa e Monica Taranto, mamme fit, e Elena Salomoni, ideatrice di Mamme in Radio, anche questa settimana Style.it ha incontrato una mamma speciale: si chiama Patrizia Eremita, è una manager milanese di una nota società di servizi che affianca all'impegnativo lavoro in ufficio l'ideazione e la cura di un grosso progetto: il portale Mamma&Lavoro. Ecco la sua storia.

Tutto è cominciato quasi 4 anni fa, quando è nato Cesare, il mio "giovanotto".  Venivo da anni di lavoro intenso e ricco di soddisfazioni professionali, convinta che le lamentele sulla difficoltà di gestire famiglia e lavoro fossero il risultato di mamme esagerate, poco pratiche e portate ad atteggiarsi a vittime. Ho capito sulla mia pelle che mi sbagliavo: le mamme italiane devono letteralmente fare i salti mortali per far funzionare tutto al meglio, le loro lamentele sono più che fondate. È nata così l'idea di creare un portale sulla conciliazione vita e lavoro.

Mamma&Lavoro organizza corsi di pronto soccorso pediatrico con medici esperti (ecco il calendario) e posta interviste a personale qualificato su argomenti utili alle mamme (qui si trattano argomenti su temi più disparati come salute, alimentazione, educazione). Non solo: il portale promuove anche attività utili all'inserimento lavorativo delle mamme, grazie a interviste a coach esperti e a un canale di ricerca del lavoro, in partnership con Manpower, con annunci su misura per mamme.  Perché se è vero che bisogna aiutare le neomamme nei difficili mesi del post-partum, le mamme vanno sostenute e guidate anche nel delicato periodo di rientro sul posto di lavoro dopo la maternità o nel loro eventuale (spesso forzato) re-inserimento professionale.  

Mamma&Lavoro è on line da poco più di un anno e si è trasformato in aggregatore per mamme interessate agli argomenti più disparati (dalla puericultura alla cucina, dalla lettura alla moda). Ma siamo solo all'inizio: ora intende proporsi come serio interlocutore alle aziende, per offrire servizi volti ad ottimizzare, favorire e potenziare il reinserimento lavorativo delle mamme. Sono convinta che ci sia ancora molto da fare, per favorire il lavoro delle donne, specie se madri, in Italia: Mamma&Lavoro a questo proposito ha ideato una piccola e divertente clip: guardatela, e ditemi se non siete d'accordo….

(testo raccolto da Francesca Amé, 4. continua)

E tu, che cosa ne pensi della clip di Mamma&Lavoro? Racconta la tua storia di mamma lavoratrice a Style.it!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

Grazie a tutti per i commenti....una bella carica per me!!! ;-)

Bell'articolo! Brave Francesca e Patrizia!

Katiuscia 67 mesi fa

Incontrare queste persone mi fa rendere conto sempre di più di quanto siamo speciali nella quotidianità della vita. Ciò che devo fare io oggi, mamma e lavoratrice, prima lo facevo in tre giorni e mi lamentavo pure! Quante risorse riusciamo a tirare fuori...ma quanta fatica...perchè è così difficile capirlo? Anch'io ho dovuto provare sulla mia pelle cosa significa gestire una vita e una famiglia. Anch'io prima giudicavo....Quindi grazie a Patrizia e a tutte qualle donne che contribuiscono a rendere questo mondo migliore, per sè e per tutte noi!

Complimenti per i risultati da Working Mothers Italy ! In bocca al lupo e a presto, Maria

chiara 67 mesi fa

Trovo il sito di mammaelavoro assolutamente utile e benfatto: affronta, senza pietismi e senza risvolti veterofemministi, tematiche di grande attualità (ancora oggi!) per mamme che oltre alla famiglia vorrebbero continuare a essere competitive anche nel mondo del lavoro. …un supporto amico, continuate così!

Francesca 67 mesi fa

@Daniela, quello che dici è interessante. A volte noi mamme non ci rendiamo conto di quanto la tecnologia ci possa aiutare nel desiderio di conciliare tutto al meglio. Siamo, da questo punto di vista, una generazione fortunata: forse dovremmo solo imparare a sfruttare meglio queste opportunità (se libere professioniste) e ancora di più dovrebbero farlo le aziende (per le mamme dipendenti)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).