Mamma, attivati!

13 luglio 2011 
<p>Mamma, attivati!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Style.it incontra ogni settimana una mompreneur, una mamma imprenditrice che ha preso in mano la propria vita dopo la maternità e si è creata una nuova carriera. Dopo Letizia di Bilinguismo per gioco (www.bilinguepergioco.com ), Monica ed Elaine di Mamma Fit (www.mammaf.it), Elena di Mamme in Radio (www.mammeinradio.it ), Patrizia di Mamma&Lavoro (www.mammaelavoro.it ),  Emer e la sua casa editrice per bambini (www.unraccontoperte.it ) e Serena con il suo blog (www.bismamma.com), Kiersten Pilar Miller e il suo The Milk Bar (www.themilkbar.it), Maria Luisa Sacchi e il suo WhyMum (www.whymum.it), Lorenza Minola, ideatrice di Easybaby.it, canale tv a misura di genitori, ecco la storia di Carlotta Jesi, da giornalista  a imprenditrice sociale.


Da giornalista, mi sono occupata a lungo di imprenditoria sociale nella redazione di Vita, poi ho capito che volevo diventare io stessa un'imprenditrice sociale. È stato un processo lungo, nato da varie riflessioni.

Come quelle che facevo di ritorno dai viaggi, con i miei figli di 6 e 4 anni al seguito, quando mi accorgevo che spesso all'estero essere famiglia è più semplice. È più semplice muoversi, cenare, divertirsi, perché esiste una maggiore accoglienza per i più piccoli. E ho deciso che volevo dare il mio contributo per rendere Milano, la mia città, migliore.

Nell'autunno del 2008 è nata Radiomamma, dalla convinzione che Internet sia uno strumento meraviglioso se usato per cambiare concretamente qualcosa sul territorio. Il mio obiettivo era "stanare" una Milano family-friendly.

Ecco quindi che per promuovere la cultura dell'accoglienza alle famiglie e ai bambini RadioMamma ha inventato il Club FF (family friendly) raccogliendo quegli esercenti (negozi, ristoranti, studi professionali, alberghi e altro ancora) adatti a essere frequentati da famiglie con bambini.

Chi pensa a trovare - e soprattutto a testare - gli associati del Club FF? Le nostre "mamme antenne": abbiamo una decina di mamme che lavorano per noi e che battono il territorio alla ricerca di strutture adatte ai bambini.

Agli esercenti che si affiliano a RadioMamma proponiamo una quota di iscrizione, di cui una percentuale va direttamente nelle tasche delle nostre mamme antenne. Oggi contiamo su una newsletter con 7mila utenti e una piccola redazione fissa che lavora a RadioMamma (da gennaio me ne occupo anch'io a tempo pieno, e ho lasciato il giornalismo).

Ci manteniamo con la pubblicità, e abbiamo avviato anche la RadioMammaCard, per sostenere i negozi a misura di mamma e offrire promozioni ai nostri soci, ma soprattutto progetti speciali che coinvolgono partner commerciali e istituzioni (ad esempio il progetto Parchi Family Friendly o quello a Cernusco). La sfida è quella di trasformare le mamme e i papà in veri e propri attivisti del territorio.

Non è stato facile mettere in piedi tutto questo: i mesi dello start up sono stati, lavorativamente parlando, durissimi. Eppure sono riuscita a cucirmi addosso un lavoro da mamma che permette orari flessibili: in questo momento RadioMamma è anche un piccolo cantiere di conciliazione, perché una delle redattrici è in maternità e abbiamo concordato insieme i modi e i tempi della momentanea sostituzione. 

La sfida è interessante perché, come impresa sociale, vogliamo fare business facendo leva sull'attivismo di tutti. Noi genitori siamo nella condizione migliore per cambiare le cose e per diffondere buone pratiche. «Diventa il cambiamento che vorresti vedere nella società» diceva Gandhi, e questa frase è il nostro motto.

(testo raccolto da Francesca Amé. 10.continua)

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Francesca 65 mesi fa

la cosa più bella dell'esperienza di Carlotta è il fatto che promuove l'attivismo di altre mamme e di altri papà

Ho incontrato personalmente Carlotta ed è una donna che ammiro per la tenacia e la costanza con la quale sta portando avanti l'utile attività di RadioMamma per tutte le famiglie che abitano a Milano e dato che abito anch'io a Milano, colgo l'occasione per ringraziarla di questo suo enorme lavoro svolto. E' stata anche fra i primi siti a segnalare la nascita di MammeInRadio ed ho avuto il piacere di intervistare una mamma rappresentate in una delle nostre dirette radiofoniche! Brava Carlotta, continua così :-) un caro saluto!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).