La scuola è cambiata. Quasi tutta

09 maggio 2011 
<p>La scuola è cambiata. Quasi tutta</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Mia figlia Alice fa la terza elementare e noi stiamo ancora cercando di orientarci. Il sussidiario non esiste più e il libro di lettura nemmeno. Il compito in classe si chiama verifica. L'inglese si studia fin dalla prima elementare e pure quasi il computer. Bisogna portare la "penna cancellabile". La gomma pane è una specie in estinzione.

La maestra sono due maestre. O tre maestre. (Almeno in prima, poi deve esserci stata una qualche epidemia perché man mano ne è rimasta quasi solo una). Quella che chiamavamo ginnastica si chiama Educazione motoria, mentre il disegno ora si chiama Arte e immagine. I regoli, poi. Ma io ancora non ho capito cosa diavolo siano.

Il doposcuola si chiama tempo pieno. Sennò c'è il modulo, che è un po' meno pieno del tempo pieno. Il bimbo handicappato ora si chiama studente con disabilità . Noi a scuola ci si portava le figurine, questi ci porterebbero il lettore mp3, il cellulare e la playstation. Nella classe di mia figlia ci sono bimbi di almeno tre etnie e relative religioni. Forse solo l'alfabeto è rimasto lo stesso, ma sinceramente non ci giurerei.


È stato quando Alice mi ha raccontato che la Macedonia stava nel frigo e che il vaso da notte rappresenta una città americana che ci siamo finalmente tranquillizzati. Grazie Pierino. Abbiamo tutti bisogno di saldi punti di riferimento.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Zio Burp 67 mesi fa

Sì, S. non ne avevo ancora parlato ma è vero, verissimo. Grazie per la correzione sul naming della scuola :)

S. 67 mesi fa

Non so se ne hai parlato in passato ma tu hai fatto l'esame in seconda e quinta elementare (io solo in quinta) mentre tua figlia non lo farà né in seconda (e te ne sei accorto) né in quinta al termine della scuola Primaria (perché ha pure cambiato nome nel frattempo).

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).