Insiemi misti

14 giugno 2011 
<p>Insiemi misti</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Ovvero: quando mamme e papà fanno gruppo. Inutile stare sul teorico, meglio andare diretti agli esempi pratici. La fine delle scuole, del resto, fornisce l'occasione giusta. Molti avranno sentito parlare delle mitiche pizzate di fine anno, immagino. Bene: alzi la mano chi, papà, è mai stato invitato. Ecco un vademecum, frutto di esperienza diretta, per imbucarsi all'eclusivo mum party, e un frasario essenziale per non passare inosservati.

1) Attenzione alle parole. Guai a dire: «Evviva, la pizzata di fine anno», come se fosse un evento di e per tutti. La definizione corretta è "La pizzata di fine anno delle mamme". Ché così si capisce subito chi è l'intruso.

2) «Possono partecipare i papà?». Meglio non chiederlo. L'ho fatto, e per tutta risposta ho ottenuto un secco, categorico, definitivo «No» (sottinteso: «Chi ti ha dato il diritto di iscriverti?»). Avere un figlio che frequenta nido, materna o elementari non significa essere automaticamente nella lista.

3) Evita di fare i furbi con frasi gigione come: «Allora ci vediamo in pizzeria». Essere ammessi non è un diritto di genitore, ma una gentile concessione delle mamme. Quindi, aspetta con pazienza: la richiesta (senza precedenti) è ancora al vaglio della commissione mammesca.

4) Nel Gran Consiglio Supremo delle Mamme si vota a maggioranza, non sperare di avere l'unanimità: c'è sempre qualcuna cui questa faccenda proprio non va giù. Comprare i voti con lusinghe («Ti vedo in formissima») o complimenti («Splendido questo taglio, ti valorizza») equivale all'esclusione immediata, a vita. Càpita poi, per involontari ritardi burocratici, che il parere favorevole arrivi dopo la data della pizzata. Ritenta sarai più fortunato.

5) Mai dare nulla per scontato, anche una volta avuto l'ok. Neanche fosse un ritrovo carbonaro la data e il luogo dell'incontro vengono comunicati all'ultimo momento. L'indirizzo che scritto in bacheca è per gli allocchi.

6) Stai al tuo posto. Quale? «Quello in fondo». Due mamma, estratte a sorte, si sacrificheranno per starti vicino: una accanto, l'altra di fronte (per esperienza una delle due dà forfait all'ultimo momento).

7) Sii uomo, non fare la primadonne. Vèstiti in maniera sobria: niente piume di struzzo né tacchi alti. Durante la prima pizzata non parlare. Ascolta, annuisci, sorridi, rispondi solo se interpellato. Vietato allungare i piedi sotto il tavolo e sbirciare le scollature. Ovviamente mastica a bocca chiusa. E niente rutti.

8) Non fare il galante. Vale a dire non offrire caramelle e passaggi a mamme appena conosciute, anche se abitate nello stesso palazzo. Neanche il tempo di tornare a casa è tutti sanno che ci hai provato.

9) Solo il giorno dopo, accompagnando a scuola i figli, saprai - dagli sguardi delle mamme - se hai superato la prova con successo. Nel caso, come bonus, la prossima volta potrai portare un altro papà . Così facendo l'ultima volta che ho partecipato noi papà eravamo la metà. Ma l'uscita continua a chiamarsi pizzata delle mamme.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).