«Trovare l'equilibrio è dura
ma ne vale la pena»

13 ottobre 2011 
di Minu
<p>«Trovare l'equilibrio è dura<br />
 ma ne vale la pena»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Da quando sono separato ho sentito molti "colleghi e colleghe" decantare le meraviglie della riconquistata libertà . Per quanto mi riguarda si tratta di balle, perlomeno se hai dei figli e hai intenzione di occupartene. Non che l'esistenza finisca con l'udienza in tribunale ma certo inizia una vita fatta di rarefatti equilibri e di corse agli ostacoli.

Quella col conto in banca, prima di tutto, perché tra gli oneri per la gestione di una casa adatta ad alloggiare i ragazzi, i chilometri da macinare per il trasporto pupi (gasolio, gasolio, gasolio) e il mantenimento da versare (sì, io lo pago) non rimane un granché da amministrare.

Il tempo è un'altra bella sfida. Ho un lavoro impegnativo, cerco di esserci per le esigenze scolastiche ed extra dei ragazzi, di provvedere a pasti e cene (beh, questo mi diverte) e di tutto quello che fa la quotidianità. Una quotidianità che deve fare a meno della presenza delle persone più importanti della mia vita se non a giorni e orari prefissati, domeniche alterne e feste comandate diviso per due.

Una quotidianità che scorre veloce nei centimetri che aumentano sullo stipite dove li misuro da quando sono nati e che cerco di afferrare in quei pochi scampoli di tempo che mi sono concessi. In questi ritagli mi trovo a dover capire cosa sta succedendo intorno e dentro di loro e a cercare di bilanciare con il mio contributo di padre il complesso delle relazioni di cura e dell'educazione che provengono da madre, scuola, nonni, scout, amici giochi e via discorrendo.

Educare è sempre difficile ma farlo da soli e nei ritagli di tempo diventa davvero un'impresa titanica e, a questo proposito, confesso che da molto tempo provo un irresistibile impulso allo strangolamento di quelli che mi dicono che l'importante non è la quantità ma la qualità del tempo che trascorriamo con i figli.

Con tutto questo mi considero un padre fortunato perchè non ho dovuto gestire grandi conflittualità con la madre dei ragazzi che hanno beneficiato di questa tregua armata .

Insomma, dura è dura, ma quando guardo i miei ragazzoni sono ripagato di tutte le alchimie e mi dico che, se potessi tornare indietro, rifarei esattamente tutto quello che ho fatto per poterli avere di nuovo tal quali sono.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).