Ho letto di quella mamma che ha fatto l'iniezione di botox alla sua bambina di 8 anni. Quali possono essere le conseguenze sulla crescita?

16 maggio 2011 
<p>Ho letto di quella mamma che ha fatto l'iniezione di botox alla
sua bambina di 8 anni. Quali possono essere le conseguenze sulla
crescita?</p>

Sì, la voglia di dare una lezione a quei genitori che torturano le loro figlie, col botox e con altro, solo per ambizioni e meschinità personali, c'è. E ci sarebbe anche la voglia di dire loro che stanno trasformando le loro figlie in insulse e disperate bambolette.

Fortunatamente però la psicologia più moderna ha smesso da qualche decennio di pensare che se si compie sull'altro l'azione A, l'altro certamente compierà l'azione B. In altre parole: gli esseri umani non si comportano come le biglie di un biliardo, il cui comportamento è ampiamente prevedibile ed è regolato dai rapporti di causa-effetto.

Gli esseri umani pensano, scoprono, apprendono, intuiscono, e sono imprevedibili. I figli, in particolare, può darsi perfino che arrivino a dire: «Mi hanno costretto a fare queste sciocchezze quando ero bambina? Bene, adesso che sono grande farò ben altro, piaccia o no ai miei genitori».

Certo: una vita spesa sui palcoscenici dei concorsi di bellezza - e solo su quelli - qualche danno lo fa: si rischia di diventare come i propri genitori, ma credo siano casi rari. Il solo fatto che se ne parli, senza accondiscendere, contribuisce a rompere l'isolamento di quei "camerini" infantili.

Ciò che più conta nella vita sono gli incontri. Incontri con persone belle e incontri con i "maestri". Il nostro mondo, pur con tutti gli svantaggi del villaggio globale, ha reso più facile conoscere  i pensieri, le idee e i saperi degli altri, tanto da poter dire che, confrontando i saperi - selezionandoli senza subirli - si può aspirare a diventare artefici del nostro destino. E questo varrà anche per quelle bambine, nel lungo corso della loro vita.

 

Marco Vinicio Masoni è psicologo, psicoterapeuta, psicopedagogista e autore di numerosi libri sull'adolescenza e la vita nella scuola.  È docente presso l'Istituto di Psicologia e Psicoterapia di Padova e Mestre e dirige il Centro Formazione&Studio - Laboratorio di Psicologia. Vuoi fargli una domanda? Scrivi a community@style.it

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Abbiamo chiesto a Marco Masoni di rispondere al commento di Elena, ecco al sua risposta: Cara Elena, alcuni decenni fa, quando facevo la quinta elementare, la maestra ci disse una frase che mi è rimasta addosso e che utilizzo per confrontare velocemente presente e passato:" Bambini, sulla terra siamo ben due miliardi e mezzo!". Oggi, dopo pochi decenni, siamo quasi sette miliardi. Certo sono aumentati i guai, ma non si può proprio dire che sia più difficile "incontrare".

elena 67 mesi fa

Caro Dottore, se da un lato la sua risposta ci appare rassicurante, dall'altro ci ricorda quanto siano importanti gli incontri con" persone belle" per la crescita sana ed equilibrata dei bambini. E' sbagliato secondo lei pensare che si vivano tempi in cui gli "incontri belli" sono sempre più rari? grazie elena

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).